Home » RIDIAMOCI ADDOSSO

RIDIAMOCI ADDOSSO

BARZELLETTE SUGLI PSICOLOGI.... e chi li frequenta....

BARZELLETTE SUGLI PSICOLOGI.... e chi li frequenta.... - Dr. Giancarlo PETRI

-------------------------------------------------------------------------------------------


PER SDRAMMATIZZARE LE SITUAZIONI E DESANTIFICARE I RUOLI...

 

"L'umorismo è il più potente meccanismo di difesa. Permette un risparmio di energia psichica e con una battuta ci consente di bloccare l'irrompere di emozioni spiacevoli.".

(S.Freud)

 

 

Ho cercato barzellette e battute sugli psicologi. Ne ho trovate diverse.


-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


 MI RACCOMANDO, GUARDATE I VIDEO E LE VIGNETTE ALL'INIZIO E LUNGO TUTTA LA PAGINA, FINO IN FONDO!!!
OGNI 15 GIORNI CAMBIERO' QUELLA D'APERTURA E OGNI TANTO CAMBIERO' PURE LE ALTRE.
INUTILE PRECISARE CHE NON LE METTO A CASACCIO: FANNO RIDERE, MA ANCHE RIFLETTERE.

 

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


** AI VISITATORI: SE NE AVETE DELLE ALTRE, - BARZELLETTE, MA ANCHE VIGNETTE - INVIATEMELE E LE PUBBLICHERO'. MANDATELE A petridot@libero.it...........


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



CONSIDERAZIONE, QUALCHE ANNO DOPO: quello che appariva più uno scherzo che altro, è divenuto una simpatica cosa importante... Di fatto, io non devo più cercare battute o barzellette sul nostro settore perchè davvero me ne arrivano in continuazione, inviate non solo da chi mi conosce, ma anche da amici e amiche perfetti sconosciuti.
In rete, se si digita sul motore di ricerca "barzellette sugli psicologi", si rimanda pure a questo sito.
Molto bello. Anche questo è un modo per stare vicini.
Un modo non serioso, bensì sdrammatizzante, amichevole.
Chissà che in futuro tutto questo non diventi una pubblicazione.
Vedremo, soprattutto se il tempo tiranno mi consentirà di prestare la giusta attenzione.
Comunque grazie e continuate a inviarmi materiale!!
Abbraccio tutti voi.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------



IMPORTANTE: MOLTI AMICI E AMICHE (anche signore e signorine, sì...) M'INVIANO BARZELLETTE O AFORISMI O FRASI NON PUBBLICABILI PERCHE', SIMPATICHE QUANTO VUOI, MA TROPPO PICCANTI O ADDIRITTURA OSCENE.
COMPRENDERETE CHE NON E' QUESTO IL LUOGO ADATTO. ANCHE SE NON SONO UN BACCHETTONE, NON POSSO SUPERARE CERTI LIMITI.
QUINDI PRIMA D'INVIARMI IL MATERIALE, FATE UN POCO DI CERNITA.
Grazie.


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


LE BARZELLETTE.....


* 171) L'ultimissima, di Ermenegildo, non mi dice da dove......

 

"Alcuni anni fa, dopo uno di quei discorsi strani in cui un marito non riesce a concludere un qualsiasi ragionamento con la rispettiva consorte, questa con superiorità sbottò: 'Ma se io me ne andassi, tu cosa faresti??'.

E io, candidamente e di getto, le risposi: 'Cambierei la serratura della porta!'.

Da quel giorno la domanda non è più comparsa. Chissà perchè......".

 

* 170) Ancora Stefano e Anna, from Ponsacco. Grazie perchè l'elenco andava smosso!

Dallo psicologo consulente matrimoniale, un uomo con visibili segni di percosse sul volto e sulla testa.
"Allora?..." Dice il dottore "...Mi racconta cosa è accaduto?".
"Una settimana fa sono entrato in casa e bum! Una padellata in testa da parte di mia moglie!! Sconvolto le ho chiesto che cosa diavolo avesse e lei, davvero arrabbiata, mi ha detto che mi aveva trovato nella tasca della giacca un foglietto con il nome di una donna.
Io prontamente le ho detto che era una sciocchina, perchè quello era il nominativo di una cavalla da giocare alle corse...
Uff... Ci ha creduto...
Ieri torno a casa, tutto tranquillo e Sbadabang!!! Giù altre tre o quattro padellate!
"Ma sei davvero pazza!..." Le ho gridato "...Ora cosa cavolo hai?".
"Cosa ho? cosa ho..." E Sbumm! Un'altra padellata sul naso "...Ho che poco fa ha telefonato la cavalla che ti cercava!!".".


* 169) Gabriele, un nuovo amico, da Roma, mi manda questa. E' davvero graziosa...

Due coppie di anziani stanno conversando, quando uno degli uomini chiede all'altro: "Mario, come è andata nella clinica per la cura della memoria dove sei stato il mese scorso?":
"Oh, eccezionale!" Risponde Mario "...ci hanno insegnato tutte le più recenti tecniche psicologiche - la visualizzazione, l'associazione d'idee... - che mi hanno fatto rinascere davvero. Splendido!".
"Accidenti, mi fa piacere! E qual è il nome della clinica?".
Mario sbianca. Si concentra, ma non ricorda. Poi gli si accende un sorriso sul volto e chiede: "Come si chiama quel fiore con il gambo lungo e le spine?".
"Intendi la rosa?".
"Sì, esatto!!..." E si rivolge alla moglie "Rosa, ricordi il nome della clinica?".


* 167, 168) Oh, dopo mesi di silenzio, torna da noi Giada, con una coppiola agostana ovviamente delle sue...
Gente, qualcuno mi ha fatto notare che si sta scivolando un po' troppo nell'hard.
Controlliamoci.

1) Una signora sposata da moltissimo tempo si rivolge alla psicologo e sessuologo per un problema.
"Dottore, tutte le volte che io e mio marito facciamo l'amore, quando lui raggiunge il culmine, grida in una maniera spaventosa!!...".
"Beh, può capitare... Non mi pare un grande problema...".
E la donna: "Sì, ma il fatto è che mi sveglia!!".

2) Sempre dal consulente di coppia.
"Dottore..." Dice l'uomo "...come mai dopo aver fatto l'amore la prima volta sento un freddo, ma un freddo... E dopo la seconda volta sento un caldo, ma un caldo...".
E la moglie, acida, interrompendolo: "Dottore, questo glielo spiego io! Perchè ne facciamo una in inverno e una in estate... Ecco il perchè!!".


* 166) Sono con noi per la prima volta Stefano e Anna Lisa, di Ponsacco. Benvenuti.

Un giovanotto, piuttosto arrabbiato, a un amico: "Lo psicologo mi ha tenuto sotto controllo per quattro mesi e ha saputo solo dirmi che avrei una doppia personalità!
Poi mi ha chiesto mille euro...
Gliene ho dati 500 e gli ho detto di farsi dare il resto dall'altra persona!!".

* 165) Cristina, Brescia. Ciao bella. Come va lassù? Ho una gran voglia di tornare a Sirmione!

Due psicologi stanno per entrare nel salone ove si tiene un congresso sulla sindrome di Alzheimer.
"Tu ti ricordi come si chiama Alzheimer?" Chiede uno all'altro.
"No... Davvero, proprio non me lo ricordo...".
"Vedi? Comincia così!!".


* 164) Giorgio da Scandicci. E' bella tosta. L'ho dovuta risistemare un poco perchè altrimenti non era pubblicabile.
Ricordate cosa c'è scritto lassù prima delle barzellette, scalmanati!!

Un signore si reca dallo psicologo e gli confessa: "Dottore, beh, sono molto imbarazzato a parlarne, ma io... io ho un problema...".
"Prego, parli pure. Qui deve stare del tutto tranquillo...".
"Sono imbarazzato a morte. Io... io faccio il salumiere e da anni non faccio altro che sognare in continuazione, ogni notte, di... d'infilare
beh, sì, il... pene... nell'affettatrice di prosciutti. Faccio questo sogno, davvero, più volte per notte e al mattino mi sveglio assolutamente distrutto. Mi aiuti, la prego. Che cosa devo fare?".
"Amico mio, qui è necessaria una terapia d'urto!!..." Dice lo psicologo "...Qualche tempo fa ho avuto un cliente, un venditore di hamburger, che sentiva la pulsione incontrollata di mettere il proprio pene sulla piastra rovente.
Ebbene, lo consigliai di sfregarcelo. Si bruciò, ma da quel giorno quella strana attrazione gli passò di mente!
Quindi le consiglio di fare altrettanto: infili l'organo nell'affettatrice e ce lo tenga finchè non gli fa male! Senza danneggiarlo troppo, ovviamente!
L'aspetto la prossima settimana!".
Sette giorni dopo ecco di nuovo il salumiere.
"Allora, com'è andata?" Chiede il dottore.
"Beh, ho fatto come lei ha detto. L'ho messo nell'affettatrice. Il... il pene non mi si è danneggiato per niente, anzi, stava proprio bene... ma ci hanno scoperto e ci hanno licenziato tutti e due: me e la ragazza che affetta i prosciutti!!".


* 160, 161, 162, 163) Addirittura quattro!! Bentornati cari, mi stavo preoccupando... William e Carlotta, intendo. E non si smentiscono...
Io mi chiedo, ma che razza di psicologi avete incontrato, in vita vostra?

1) Dallo psicologo, un marito angosciato: "Allora dottore, dopo che ci ha parlato per tre volte, cosa mi può dire? Perchè mia moglie non ha voglia di fare l'amore?".
"Ce l'ha, ce l'ha...".

2) Una splendida signora va dallo psicologo: "Dottore ho un gran problema. Ogni volta che mi accendo una sigaretta, mi prende la voglia irrefrenabile di fare l'amore con il primo che capita...".
"Calma, calma... Si sdrai qui sul lettino... Gradisce una sigaretta?".

3) Una ragazza confida all'amica: "Sai che quello psicologo che mi hai consigliato è stato davvero bravo?".
"E' riuscito a guarirti dalla paura del sesso?".
"Sì... E pensa, adesso sono io che gli chiedo ottanta euro a visita!!".

4) Dallo psicologo, una ragazza affranta: "Dottore, ho il complesso di essere brutta...".
"No mia cara. Tranquilla. Lei non ha nessun complesso!".


* 159) Da Firenze Andrea ci manda questa "riflessione", assolutamente magnifica, che pareggia un po' il conto nella simpatica diatriba tra maschietti e femminucce.

Essere uomo, essere donna...

"Non avevo mai capito perchè i bisogni sessuali degli uomini e delle donne sono così diversi. Non avevo mai capito tutte quelle storie di Marte e di Venere. Non avevo mai capito com'è diversa l'affettività e il senso di gratificazione tra uomo e donna.

.... poi....

Una notte della settimana scorsa mia moglie ed io ci siamo messi a letto e abbiamo iniziato a stuzzicarci sotto alle coperte, cominciando a palpeggiarci un pò dappertutto.
Io ero già eccitatissimo e credevo fosse reciproco dato il carattere assolutamente esplicito delle nostre carezze.
Ma in quel preciso momento mi dice:
"Ascolta, ora non ho voglia di fare l'amore. Desidero solo che tu mi stringa forte tra le braccia...".
"COSA?!?!?!" Ho esclamato.
Allora lei mi ha detto le magiche parole:
"Tu non sai comprendere i miei bisogni emotivi di donna...".
Alla fine ho capitolato, ho pregato che la mia eccitazione scomparisse al più presto perchè mi faceva star male e poi finalmente mi sono addormentato meditando vendetta.
Il giorno dopo siamo andati a fare shopping al centro commerciale.
Io la guardavo mentre provava tre vestiti molto belli e molto cari. Siccome non si decideva nella scelta, le ho consigliato di prenderli tutti e tre. Allora, tutta emozionata e motivata dalle mie parole, mi ha detto che aveva bisogno anche di un paio di scarpe, ma che quelle che le piacevano costavano 400 euro.
Le ho detto di acquistarle tranquillamente.
Per poco non ha urlato dalla gioia.
Poi siamo passati dalla gioielleria da dove è uscita con un bracciale d'oro e diamanti.
Se l'aveste vista: era emozionatissima!!
Penso che credesse che stavo impazzendo, ma a dire il vero, non è che se ne preoccupasse molto.
Credo mi stesse mettendo alla prova quando mi ha chiesto un carissimo vaso cinese da mettere sulla mensola del caminetto... Ma penso di aver distrutto tutti i suoi schemi mentali quando le ho risposto ancora di sì.
A questo punto era eccitatissima. Avreste dovuto vedere il suo viso!! E' in quel momento che con il suo più bel sorriso da quando ci siamo sposati,  mi ha cinguettato:
"Amore, andiamo alla cassa?".
Ho dovuto lottare con me stesso per trattenere le risa, quando le ho detto:
"No amore. Credo che ora non ho voglia di comprare tutta questa roba!!".
Avreste dovuto vedere il suo viso: è diventata tutta pallida e lo è diventata ancora di più quando le ho detto: "Voglio solo che tu mi stringa forte tra le tue braccia...".
E nel momento in cui il suo viso cominciava a riempirsi di collera e odio, ho semplicemente aggiunto: "Tu non sai comprendere i miei bisogni economici di uomo...".

Amici, credo che non farò più l'amore fino al 2025, ma sono stato tanto, tanto, tanto bene...".


* 158) Giorgio da Scandicci, sempre su un motivo di crisi nella coppia...

Un signore in crisi, di fronte al consulente matrimoniale.
"...E poi ho preso davvero la decisione di separarmi dopo che mia moglie mi ha dato dell'imbecille!".
"Oddio, non le sembra un po' poco, per prendere una decisione così drastica?".
"No. L'altro giorno sono tornato a casa e l'ho trovata a letto con un uomo. Io le ho gridato: Anna, ma che fai!?
E lei mi ha risposto: Non lo vedi, imbecille?".


* 157) Cristina, Brescia, torna da noi dopo un bel po'.

Una giovane coppia in crisi si reca dallo psicologo consulente matrimoniale.
Alla domanda del perchè si sono recati da lui, la sposina risponde che il problema è che il marito soffre di eiaculazione precoce.
Il consulente si volta verso il ragazzo e gli chiede: "E' così?".
E lui: "Beh, proprio così, no. E' lei che soffre, non io!!".


* 156) Serena, dalla cittadina delle belle torri...

"Allora..." Chiede una signora all'amica "...Come è andata con lo psicologo per la fobia di tuo figlio, che temeva di avere i mostri sotto al letto?".
"Oh, bene... In una seduta ha risolto il problema!!".
"Addirittura? Accidenti, che bravo! E come ha fatto?".
"Ci ha consigliato di segare alla radice le gambe del letto!".


* 154, 155) Questi due li strozzo... William e Carlotta, Milano, intendo! Io dico vanno a cercarle apposta, così  cattive. Ma come faccio a non inserirle? Una è perfino un aforisma di Jung!!

1) "Poche persone al mondo sanno parlare senza dire niente come uno psicologo o uno psichiatra...".
(C.Carr, scrittore)

2) "Solo gli psicologi inventano parole per definire cose che non esistono.".
(C.G. Jung, psicoanalista)


* 153) Serena da Forlì, per la seconda volta da noi. Nella sua e mail con la quale m'invia la barzelletta/storia qui sotto, intitolata "POSITIVO E NEGATIVO", mi chiede se è inerente alle situazioni psicologiche.
Accidenti, se è inerente! Sapete che qualcuna delle situazioni elencate mi è capitato d'incontrarla davvero, nella mia professione?

FATTI DELLA VITA...
POSITIVO E NEGATIVO:

* Positivo: tua moglie è incinta.
  Negativo: sono tre gemelli.
  Molto negativo: hai fatto la vesectomia tre anni fa...

* Positivo: tua moglie non ti parla.
  Negativo: vuole il divorzio.
  Molto negativo: è avvocato.

* Positivo: tuo figlio sta crescendo.
  Negativo: ha una storia con la signora della porta accanto.
  Molto negativo: anche tu...

* Positivo: tuo figlio sta un sacco di tempo a studiare in camera sua.
  Negativo: trovi parecchi film porno chiusi nella sua stanza.
  Molto negativo: sei in alcuni di essi.

* Positivo: siamo finalmente d'accordo. Basta figli!!
  Negativo: non troviamo le pillole anticoncezionali.
  Molto negativo: la figlia le ha prese in prestito.

* Positivo: tuo marito capisce di moda.
  Negativo: scopri che di nascosto si mette i tuoi abiti.
  Molto negativo: stanno meglio a lui che a te...

* Positivo: fai a tua figlia il discorso delle api e dei fiorellini.
  Negativo: lei continua a interromperti.
  Molto negativo: con correzioni...

* Positivo: tuo figlio ha il suo primo appuntamento.
  Negativo: è con un uomo...
  Molto negativo: è con il tuo migliore amico.

* Positivo: tua figlia trova subito lavoro dopo la laurea.
  Negativo: come prostituta.
  Molto negativo: guadagna più di te...


*151, 152) Andrea, due da Firenze... Grazie.

1) "Mia moglie è terribilmente autoritaria..." Dice il paziente allo psicologo "... si comporta sempre alla stessa maniera: mi fa una domanda, risponde al posto mio e infine passa mezz'ora a dimostrarmi che ho torto!!".

2) Una signora va dallo psicologo, lamentando un forte indebolimento del desiderio sessuale.
"Cara signora, lasci i suoi problemi fuori dal letto!" Le consiglia il dottore.
E lei: "Già, e mio marito dove lo mando a dormire?".


*150... CENTOCINQUANTESIMA!!!) Carla e Roberto, ancora da Brescia. Molto bellina...

Una donna si reca dallo psicologo consulente matrimoniale perchè ha dei seri problemi sessuali. Dopo un po' che parlano, lo specialista non ha ben compreso il problema della signora e le pone una domanda che pensa possa essere chiarificatrice: "Lei ha mai osservato, ha mai visto il volto di suo marito mentre fa l'amore?".
"Oh sì... Mi è capitato una volta!!".
"E di cosa aveva l'aria? Cosa esprimeva?".
"Mah, sembrava una grande collera...".
Lo psicologo prosegue: "Questo è interessante! Esploriamo questa pista. Tutto sommato il fatto che lei abbia memoria di averlo visto quella volta così arrabbiato, mi sembra inusuale, ma forse assai significativo... E che cosa le diceva?".
"Oh, questo non saprei dirlo. Quando è successo lui era fuori e mi guardava attraverso la finestra!...".


* 149) Ritornano i milanesi Carlotta e William, con una barzelletta terribile, terribile, terribile... Ma la inserisco perchè non voglio che i due filibustieri suddetti mi accusino di eccessiva difesa della categoria...

Un congresso di psicologi, a cena.
Un giovane psicologo, quindi da poco impegnato nella professione, si trova con i suoi colleghi più anziani.
Mentre questi sono tutti allegri e tranquilli, lui è triste e pallido.
Gli altri, colpiti, gli chiedono cosa è che lo preoccupa.
"Oh, sono abbattutissimo. Ma come fate a non impazzire o a non avere il morale a terra a forza di ascoltare tutti i mille guai dei pazienti?".
"Ah, beh, se li ascolti...".


* 148) Giorgio, un nuovo amico di Scandicci. Grazie.

Dallo psicologo consulente di coppia; parla un cliente affranto.
"Lei dottore si chiederà per quale motivo sono qui. Beh, la storia è andata così. Ero con mia moglie e lei è entrata in quegli argomenti del cavolo che piacciono tanto alle donne...".
"Cioè?".
"Se morissi, ti risposeresti?" Mi ha chiesto.
"Certo che no!". Ho detto.
"No? Perchè? Non ti piace essere sposato?".
"Sì, mi piace...".
"Allora, perchè non ti risposeresti?" Ha proseguito, insistente.
"Ok. Va bene. Mi risposerei..." Le ho risposto già un po' nel pallone.
"E dormiresti nel nostro letto?".
"Dove vorresti che dormissimo?".
"E sostituiresti le mie foto con le sue?".
"Ma come faccio a saperlo? Forse sì. Che ne so?".
"E le faresti usare la mia automobile?".
"No. Non ha la patente...".
"...?!?".
"Ops.......".

"Caro dottore, cosa può consigliarmi?".


* 147) Costanza, da Radda, s'inserisce nel simpatico duello tra uomini e donne, con alcune similitudini belle toste...
Signori maschietti, cosa aspettate a rispondere con qualcosa di salace?
Le femminucce sono in testa da un bel po'!!

GLI UOMINI......

1) Gli uomini sono come il LASSATIVO: dopo un pò irritano a morte;
2) Gli uomini sono come le BANANE: più invecchiano, meno sono sodi;
3) Gli uomini sono come il TEMPO: non puoi fare niente per cambiarlo;
4) Gli uomini sono come i ROBOT DA CUCINA: te ne serve uno, ma non sei sicura del perchè;
5) Gli uomini sono come le TAVOLETTE DI CIOCCOLATO: dolci, morbidi e di solito vanno direttamente sui fianchi...
6) Gli uomini sono come la PUBBLICITA': mai credere a quello che dicono;
7) Gli uomini sono come i BOT: ci mettono taaanto a maturare interessi;
8) Gli uomini sono come il POP CORN: ti soddisfano, ma solo per poco;
9) Gli uomini sono come le NEVICATE: non sai mai quando arrivano, quanti centimetri ti daranno o quanto tempo dureranno...
10) Gli uomini sono come le LAMPADE LAVA: divertenti da guardare, ma non molto brillanti;
11) Gli uomini sono come il PARCHEGGIO: tutti i posti buoni sono occupati, gli altri sono per i disabili.

O vai, che siamo conditi per bene!!


* 146) Buona domenica, Serena da San Gimignano. Birbante.

Un ufficiale della Guardia di Finanza, in divisa, entra nello studio del famoso psicologo.
"Dottore, ho dei violenti attacchi d'ansia!!".
"Beh, e io, come crede che sia stato quando l'ho visto entrare qui?" Risponde pallido il professionista.


* 145) Dopo qualche giorno di silenzio, ce ne arriva una nuova, che ha di nuovo a che fare con "la guerra dei sessi" ormai qui in vigore da un annetto.
Questo dialogo ce lo invia ancora la forlivese Sonia. Grazie!

Lei: Ciao!
Lui: Finalmente! Da quanto tempo aspettavo questo momento!
Lei: Vuoi che vada via?
Lui: NO! Come ti viene in mente? Solo a pensarci rabbrividisco!!
Lei: Mi ami?
Lui: Certamente. A tutte le ore del giorno e della notte!!
Lei: Mi hai mai tradito?
Lui: No, MAI! Perchè me lo chiedi?
Lei: Vuoi baciarmi?
Lui: Sì, ogni volta che ne ho l'occasione!
Lei: Saresti mai capace di picchiarmi?
Lui: Sei impazzita? Lo sai come sono io!
Lei: Posso fidarmi di te?
Lui: Sì...
Lei: Tesoro mio...

ORA RILEGGI DAL BASSO VERSO L'ALTO...


* 144) La piccola Giada di Firenze, una nostra nuova giovanissima amica e quindi da non confondere con l'altra Giada, quella birbante, ci invia questa.
E' graziosa.

Dallo psicologo, parla il paziente.
"...E poi, dottore, io non sopporto più tutti i gatti di mia moglie! Lo sa quanti ne tiene in casa? Più di cento!!".
"Beh, lei cerchi di convincerla a disfarsene, almeno di qualcuno... Se poi vede che non ce la fa a convincerla, apre le finestre e li fa uscire!".
"Già!! E i miei 200 piccioni? Scapperebbero tutti, no?".


* 142, 143) Due storielle da parte di un'altra nuova amica: Fulvia di San Gimignano, che mi ha conosciuto, nel mio sito, grazie ad una mia paziente.

1) Dallo psicologo consulente di coppia, parla il cliente: "Dottore, so che lei mi aveva consigliato di darmi una regolata nei miei atteggiamenti diciamo un po' birichini...".
"Beh, cos'è accaduto?" Chiede il dottore, già un po' preoccupato.
"Dottore, l'altra notte sono tornato a casa alle 5 e ho trovato mia moglie sveglia ad aspettarmi.
'Allora, Superman, abbiamo fatto le ore piccole?' Mi ha chiesto, beffarda.
'Sai amore, avevamo la riunione con i clienti tedeschi...'.
'E avete discusso fino alle 5 del mattino, Superman?'.
' No, prima c'è stata la cena e...'.
' Capperi!! Superman, codesta cena è stata davvero lunga!!'.
' Aspetta un poco! Mi vuoi dire perchè cavolo mi chiami Superman?'.
' Oh, perchè solo tu e Superman portate le mutande sopra ai pantaloni!!'.
Caro dottore, mi ha fatto dormire in auto...".

2) Nello studio dello psicologo, il professionista parla di tradimenti con un paziente, al fine di conoscerlo meglio.
"E se sua moglie lo tradisse, quale sarebbe la sua reazione?".
"Oh, verso mia moglie non so. Ma all'uomo ammazzerei il cane e spezzerei il bastone!!".
"Come sarebbe a dire?..." Esclama il dottore, già pronto a elaborare qualche astrusa interpretazione psicoanalitica "... che c'entra il cane? E poi, quale bastone?".
"Sì, gli ammazzo il cane e gli rompo il bastone perchè solo un cieco potrebbe andare a letto con un tegame come mia moglie!!".


* 141) Carlotta, da Torrita di Siena, mi manda questa, che non tratta argomenti direttamente psicologici, bensì s'inserisce nella "guerra" tra maschietti e femminucce.
E' magnifica.
(Scusatemi se termina con una parolaccia - comunque di larghissima diffusione... - che non era sostituibile).

La favola che avrebbero dovuto raccontarci da piccole

C'era una volta
in un paese lontano lontano,
una bellissima principessa, indipendente
e sicura di sè.
 
Un giorno osservava il panorama
sulle sponde di un laghetto incontaminato
in un prato verde vicino al suo castello.
D'improvviso una rana le saltò in grembo
e disse: "Elegante fanciulla,
io ero un bel principe
finchè una strega cattiva
non mi fece un incantesimo.
Un bacio da te, comunque,
ed io ritornerò ad essere
il bel principe che sono...
E poi, dolcezza, noi ci potremo sposare
e mettere su casa nel tuo castello insieme a mia madre,
dove tu potrai cucinare per me,
lavare i miei vestiti,
portare nel tuo grembo i miei figli,
ed esserne per sempre grata...".

Quella sera
mentre la principessa cenava beatamente
con gambe di rana saltate in padella,
con un vino bianco
ed una salsa di cipolle,
ridacchiava e pensava tra sè:
"Col cazzo!".


* 140) Un nuovo amico da Firenze, Andrea.

Un giovane è seduto in treno e accanto ha una bellissima ragazza che sta leggendo un libro.
Il ragazzo ovviamente cerca di attaccare discorso: "Il tuo libro mi pare interessante... di cosa parla?".
E la giovane donna: "Oh, in effetti è molto interessante. Sono una studentessa di psicologia è sto preparandomi per l'esame di sessuologia... Questo quindi è un libro che parla di sessualità, ma prevalentemente sotto l'espetto statistico...
Per esempio, qui dice che sono gli indiani d'America ad avere il pene più grosso in diametro, mentre i polacchi sono gli uomini col pene più lungo.
Per quanto riguarda l'attività sessuale, sono i medici quelli che sembrano avere la vita sessuale più attiva...".
Il ragazzo allora ribatte: "Sì, avevo ragione, è davvero interessante. Oh, ma che maleducato sono! Devo ancora presentarmi... Piacere, Geronimo Kowalski, dottore in medicina!!".


* 139) Nancy, studentessa Usa a Siena. Mamma mia, di fatto travalichiamo l'oceano. Come mi hai trovato?

Dallo psicologo arriva un giovane uomo, totalmente sconvolto.
Dopo averlo invitato a calmarsi, convinto che il paziente abbia vissuto un evento traumatico di prima grandezza, il professionista lo prega di raccontare ciò che gli è accaduto.
"Oddio, dottore... Beh, sappia che l'altra sera, complice qualche bevuta di troppo, mi sono ritrovato a casa di una ragazza e abbiamo trascorso un'infuocata notte d'amore.
Ad un certo punto ho notato la foto in cornice di un uomo, sul comodino dalla parte di lei.
'E' tuo marito?' Le ho chiesto.
'Ma no, sciocchino!!" Mi ha risposto.
"Allora è il tuo fidanzato!".
"Niente affatto!".
"Tuo fratello?".
"Ma no!!".
"Beh, mi vuoi dire chi è, per favore?".
"Ma sono io prima dell'operazione, tesoruccio mio!!".


* 138) Un'altra Stefania, ma da Forlì. Ragazzi, come ci si mangia bene!! Ma veniamo alla storiella.
Vogliamo intitolarla 'Solidarietà tra donne'?

Una giovane donna manager in carriera, che temporaneamente vive per lavoro a Parigi,  riceve la lettera dal proprio uomo, che dall'Italia le scrive: "Cara Claudia, non posso più continuare la nostra relazione. La distanza che ci separa è troppa e non possiamo frequentarci come vorremmo... Sappi che mio malgrado ti sono già stato infedele 10 volte da quando te ne sei andata e penso che non ci meritiamo tutto questo. Per favore restituiscimi tutte le foto che ti ho mandato. Con affetto. Roberto".
Sconvolta, la donna si reca dalla propria psicologa.
Udito il racconto, la dottoressa guarda la cliente e le dice sibilando una parola dietro l'altra: "Vuoi risolvere civilmente la faccenda, da signora, senza fare nulla se non rendergli le foto, cercando con il mio aiuto e con quello del tempo di lenire il tuo dolore, oppure vuoi seguire una strada più decisa, che ti aiuterà in fretta a superare tutto, grazie alla 'vendetta'?".
"Opto sicuramente per la seconda ipotesi!!" Esclama la manager.
"Bene. Ascolta..." Dice la psicologa e le spiega...
Il giorno dopo, la ragazza chiese a tutte le sue colleghe di lavoro che le regalassero foto dei loro fidanzati, amici, fratelli, zii, cugini, ecc. Insieme alla foto di Roberto mise tutte quelle regalatele dalle amiche. C'erano 57 foto, nella busta, e un biglietto che diceva: "Roberto perdonami, ma non mi ricordo chi tu sia. Cerca la tua foto nel pacchetto e restituiscimi il resto. Merci. Claudia".


* 137) Ancora Carlotta e William, da Milano,  ci regalano questa, graziosa. E' il riadattamento di una barza in auge pure in Toscana, qualche tempo fa, in altra forma...

Dallo psicologo consulente matrimoniale.
"Allora, la settimana com'è andata?" Chiede il dottore al paziente.
"Beh, abbiamo litigato pure ieri. Però l'ho fatta mettere in ginocchio davanti a me!!" Esclama l'uomo con un sussulto d'orgoglio.
"Ah sì? E che cosa diceva la signora?".
"Vieni fuori da sotto al letto, vigliacco, e combatti da uomo!!!".


* 136) Ragazzi, in un giorno e mezzo me ne sono arrivate cinque!!
Questa è di Serena, San Gimignano, che per la prima volta viene a farci visita.

Prima del decollo una hostess vede un passeggero molto pallido e teso.
La donna si avvicina e gli chiede: "Signore, si sente bene?".
"Eh? Oh, sì... Solo è che sono molto nervoso...".
"Capisco. E' la prima volta, vero?".
"Oh no. Sono stato nervoso molte altre volte!!...".

(Brrrr!!!....)


* 135) Una citazione inviata da Giada - e chi, se no? - del giornalista britannico D. Frost.
E' deliziosa...

"Amare è stare sveglie tutta la notte con un bambino malato.
O con un adulto molto in salute... ".


* 133, 134) Torna Francesco, che da Siena mi manda queste. Carine, un pò osè.....

1) Una giovane e avvenente signora dallo psicologo: "...E vede, dottore, io... io... ehm... direi che ho una vita sessuale un pò sregolata... Non so che farci: ogni volta che vedo un bel ragazzo, ci finisco a letto... Poi ho dei sensi di colpa terribili...".
"Capisco. Dovremo lavorarci, ma penso che ce la faremo a farle cessare o indebolire codesta tendenza a concedersi frequentemente agli uomini che l'attraggono...".
"Oh no!! Io voglio solo che lei mi liberi dai sensi di colpa!".
 
2) Un giovane omosessuale si reca dallo psicologo, perchè ha alcuni problemi esistenziali.
Il dottore inizia con le domande di routine, poi giunge alla sessualità.
"E quando ha scoperto di essere gay?" Chiede al ragazzo.
"Beh, avevo circa 14 anni, subito dopo lo sviluppo...".
"Mi racconti di suo padre...".
"Oh, è omosessuale anche lui. Si è dovuto sposare solo per far tacere le voci di paese...".
"Ha fratelli o sorelle?".
"Sì, un fratello. E' gay pure lui...".
"Accidenti!! Ma c'è in casa qualcuno a cui piacciono le donne?".
"Sì dottore. A mia madre...".


* 132) La giovanissima Stella, da Poggibonsi...

Il paziente allo psicologo: "Dottore, per mia moglie sono pazzo perchè mi piacciono le salsicce!".
"Beh? Come mai? Anche a me piacciono!!". Risponde il dottore.
"Bravo. Allora uno di questi giorni venga a vedere la mia collezione. Ne ho a centinaia!!".


* 131) Una risata da Brescia. Bentornata, Cristina!

"E mi dica..." fa il consulente matrimoniale a una giovane signora, che ha mostrato un bel carattere pepato sin dal primo incontro "...Quando è avvenuta la prima lite tra lei e suo marito?".
"Quando? Vuol ridere? La prima notte di nozze!!".
"Però! Me ne vuol parlare?".
"Molto volentieri... Sì, mi rattristisce, ma fin dal primo momento gli feci capire che lui con me non poteva neanche lontanamente pensare di fare il padrone...".
"Prego, mi racconti...".
"Oh, eravamo in camera e mio marito, che ovviamente è tanto più grosso di me, ad un certo punto, all'improvviso, ha afferrato i suoi pantaloni e me li ha gettati contro dicendo 'Toh, mettiti questi!!'... Io li ho presi e gli ho detto che non potevo certo indossarli, vista la differenza di dimensioni...
'Esatto...' Mi ha risposto lui '...E vedi di non dimenticartene! In questa famiglia sono IO che porto i pantaloni!!!'.
Beh, dottore, non ci crederà, ma mi è venuto un gesto spontaneo: ho afferrato le mie mutandine e gliele ho lanciate dicendogli di indossarle.
'Ma io non c'entro nelle tue mutandine!' Ha risposto lui.... E io: 'Esatto!! E le cose andranno così fino a quando non cambierà il tuo fottuto comportamento maschilista!!' ".


* 130) Da Ilaria, Castellina in Chianti. Un'altra prova della personalità femminile, che sicuramente risponde alla barzelletta/storia N° 127.
Inoltre evidenzia l'importanza della lettura come accrescimento non solo culturale, ma anche caratteriale.

La moglie di un pescatore decide di uscire in barca sul lago. Accende il motore e si spinge ad una piccola distanza. Spenge, butta l'ancora e si mette a leggere il suo libro.
Dopo un poco arriva una Guardia forestale in barca, le si accosta e l'uomo le dice:
"Buongiorno signora, cosa sta facendo?".
"Sto leggendo un libro..." Risponde lei (pensando a quanto fosse ovvia la cosa).
"Lei si trova in una zona di pesca vietata" Aggiunge lui.
"Mi dispiace, agente, ma non sto pescando. Sto leggendo!".
"Sì, ma a bordo ha tutta l'attrezzatura . Per quanto ne so, potrebbe cominciare in qualsiasi momento. Devo portarla con me per fare rapporto...". Prosegue la guardia.
"Agente, se lo fa dovrò denunciarla per molestie sessuali!". Risponde la donna, con calma.
"Cosa? Ma se non l'ho neanche toccata!!".
"Questo è vero, ma possiede tutta l'attrezzatura per farlo. Per quanto ne so, potrebbe cominciare in qualsiasi momento!".
"Buongiorno, signora...". E la guardia se ne va in fretta.
MORALE: mai discutere con una donna che legge. E' probabile che sappia anche pensare!


* 129) Ancora Carla e Roberto, da Brescia, che mi spingono a pubblicare un libretto con queste barzellette. Ripeto: se trovo il tempo giuro che lo farò.

Quanti narcisisti ci vogliono per cambiare una lampadina?
Uno, che la tiene stretta mentre il mondo gira intorno a lui...

(Avete capito, vero?)


* 128) Carlotta e William, da Milano. Un nuovo ingresso un po' birbantello...

Domanda: Qual è la differenza tra Dio e uno psicologo?
Che Dio sa che non è uno psicologo.....


* 127) Vi ricordate la piccola "guerra" a colpi da barzellette che ogni tanto si svolge qui tra maschietti e femminucce?
Ebbene, stamattina domenica 6 Febbraio, mi è arrivata questa lunga, graziosa, stimolante e provocante descrizione delle donne.
Me l'ha inviata un collega che in quanto tale desidera restare segreto anche con il solo semplice nome.
La scrivo.
Amiche: merita una risposta!!

"Donne.... Quelle simpatiche sono brutte. Quelle belle sono stronze. Quelle belle e simpatiche sono lesbiche. Quelle belle, simpatiche e eterosessuali sono fidanzate. Quelle non bellissime, ma simpatiche, non hanno cervello.
Quelle non bellissime, simpatiche e ricche, credono che stiamo con loro solo per i soldi.
Quelle belle, non simpaticissime e ragionevolmente eterosessuali, non ci considerano sufficientemente carini per stare con loro.
Quelle che ci considerano carini, che sono abbastanza simpatiche e hanno i soldi, sono frivole.
Le donne che sono ragionevolmente carine, ragionevolmente benestanti, ragionevolmente simpatiche, sono timide e se la tengono stretta fino al matrimonio...
Le donne che vogliono prendere sempre loro l'iniziativa, perdono interesse se siamo noi a prenderla. Invece le donne che pretendono che siamo noi a prendere l'iniziativa quando lo facciamo fanno di tutto per smontarti e fuggono a gambe levate.
Donne.... Se sei tenero con loro, sei un idiota mollicone. Se non lo sei, sei un insensibile,
Se non ti curi del tuo aspetto, sei trasandato. Se tu curi troppo, vuoi fare il piacione.
Se non lavori, sei un nullafacente. Se lavori parecchio e per questo non sei mai a casa, s'incavolano perchè le trascuri.
Se devono sempre pulire loro la casa (perchè tu sei al lavoro), ti sei fatto la serva.
Se gli vuoi dare una mano... "Levati, che faccio da sola!!".
Se qualche volta pagano loro, tu te ne stai approfittando. Se paghi tu... "Oh, non pensare che io voglia fare la mantenuta, eh!!".
Se vuoi andare a letto con loro,  sei un porco. Se non ci provi, sei gay.
Se loro fanno carriera, è per le loro capacità. Se la fai tu, è perchè il mondo è maschilista.
Se loro escono con altri, è perchè sono amici. Se tu esci con altre, sei infedele a prescindere.
Se esci con una donna senza soldi, sei un opportunista. Se esci con una donna ricca, sei un cercatore di dote.
Se a 30 anni non si sposano, è perchè devono far carriera.
Se a 30 anni non ti sposi è perchè sei attaccato alle gonne di mammà.
Se sei di cattivo umore, sei uno stronzo. Se sono loro di cattivo umore, poverine, hanno il mal di pancia!
Se sei brutto, non ti degnano di uno sguardo.
Se sei bello e intelligente, sei sicuramente uno sciupafemmine.
Se ti fanno le corna e resti con loro, più stupido non potresti essere. Se ti fanno le corna e le sbatti fuori a calci, non hai mai saputo capirle...
Se hanno un amante è perchè tu non gli hai mai prestato tutte le attenzioni e tutte le cure che ti chiedevano. Se l'amante è tua, sei un bastardo!!
Se sono insopportabili, cerca di capire, hanno avuto una giornataccia! Se lo sei tu... "Non mi vuoi più bene!".
Donne...
Come si può fare a capirle, se spesso neanche a loro riesce a farlo?".


(che bel sasso in piccionaia, vero? G.P.)


* 126) Annalisa mi spedisce questa da Firenze. Molti uomini fanno o farebbero davvero così. Molti altri no, per fortuna.

Dallo psicologo consulente di coppia una signora si lamenta dello scarso interesse erotico che il marito le dimostra.
Il consulente le spiega che talvolta l'uomo ha bisogno di essere incoraggiato, intrigato. Quindi dovrebbe essere lei, in qualche occasione, a proporsi sessualmente.
"Provi a fare così e poi mi dirà i risultati!". Dice alla donna.
Passa un quindicina di giorni e lei torna dal dottore, assai scura in volto e delusa.
"Allora?" Chiede il consulente.
"Vuol sapere com'è andata? Quando mio marito è rientrato dal lavoro l'ho chiamato in camera da letto, mi sono spogliata e gli ho detto: Fammi sentire una vera donna!!...".
"Ottimo! E dopo?".
"Si è levato pure lui tutti i vestiti, li ha buttati sul letto e mi ha detto: STIRALI!!".

(Mon Dieu......)


* 124, 125) Fiammetta, Monteriggioni (sì, in primavera farò un'altra conferenza a scuola. Vai alla pagina apposita per vedere data e orari...), due molto carine.

1) Dice che è una notizia vera: " A Amburgo la polizia è dovuta intervenire per sedare una violenta rissa scoppiata in un albergo e che vedeva impegnati una trentina di psicologi, tra i partecipanti a un importante congresso internazionale.
Il tema del congresso? "Come controllare la collera"...".

2) Di fronte al consulente, parla il marito: "Eh sì, dottore, io e mia moglie siamo stati felici per 25 anni. Poi ci siamo incontrati...".


* 122, 123) Carla e Roberto, nuovi amici di Brescia che mi hanno conosciuto grazie a Cristina.
Due barzellette simpatiche.
La seconda mi ha ricordato un giovane psicologo di trent'anni fa....

1) Un signore a un amico: "Il mio psicologo ha detto a me e a mia moglie di fare sesso tutte le notti... Boh, così praticamente non c'incontriamo più!!...".

2) Un giovane psicologo all'inizio della professione deve ricevere il primo cliente, mandatogli da un amico, nel suo studio nuovo di zecca.
Per far colpo su di lui, non appena entra afferra la cornetta per farsi trovare impegnato al telefono e fa un  cenno di scusa al nuovo arrivato, poi ultima la telefonata: " Sì onorevole, ce l'abbiamo fatta. Sono felice d'aver risolto il problema di suo figlio... Cosa? Mi devo occupare anche del minore? Certamente.... Vedrò se riuscirò a sistemarlo al più presto in agenda, sa gli impegni... Sì, dica pure... Ah, il suo capogruppo vorrebbe conoscermi, ma non le ha detto il perchè? Gli dica di telefonarmi... Va bene? La saluto e mi raccomando, un saluto anche alla sua signora!".
Riattacca e si rivolge al cliente: " La prego di scusarmi, ma sto attraversando un periodo davvero pieno. Allora, mi parli di lei...".
"Dottò, veramente io sarei l'operaio dei telefoni e sono venuto a attaccarle la linea...".


* 121) Dopo un pò di silenzio, dovuto a un Erasmus scozzese..., torna Giada.
Non è cambiata....

Dallo psicologo arriva una ragazza piuttosto scossa... E' una personcina piccola di statura, un pò scialba, timida, non bellissima.
"Allora? Come mai c'incontriamo?" Chiede il terapeuta.
"Oh dottore... Io...io ho vissuto un'esperienza sconvolgente. Nello scorso mese di Luglio, questa estate, un uomo ha abusato di me...
Guardì un pò, è lui!...".
E fa vedere allo psicologo la foto di un gran bel giovane, abbronzato, alto e muscoloso.
"In quale giorno è avvenuta la violenza?" Domanda il dottore.
"Oh, dal 1° al 31 Luglio...".


* 120) Questa l'ho ascoltata qualche giorno fa a una cena informale, di fine anno. L'ha raccontata un importante andrologo. Non pensate che non abbia attinenza con la psicologia. Anzi!! Ha più valore di un trattato scientifico....

Sapete cosa dicono un'amante, una fidanzata e una moglie dopo aver fatto l'amore?
La prima dice: "Sei stato meraviglioso!!!".
La seconda dice: "Ti amerò per sempre!!".
La terza dice: "Beige!... Il soffitto lo farei beige!!...". 


* 119) E dopo le prime due, eccone un'altra, dettami a voce da una giovane signora del gruppo di autoaiuto di Firenze. State diventando più salaci e birbone delle amiche di Siena!! Ma è una bella gara.
Questa gentile amica, che nell'ambito degli uomini decide di "sparare" pure sugli psicologi, mi chiede anche di dare un titolo alla barzelletta....
Ok.....

"Neanche uno psicologo ce la fa a vincere con una donna, se lei s'impegna...."

Un vecchio e sapiente psicologo, pieno di esperienza e ancora con un debole per le belle donne, durante un lungo e noiosissimo viaggio in treno, cerca di attaccare discorso con una magnifica ragazza bionda che gli siede accanto.
"Vuol fare un giochino con me, tanto per far passare il tempo?" Le chiede.
Lei invece vorrebbe fare un sonnellino, quindi gli dice di no, ma lui insiste.
"Guardi che è facilissimo: io le faccio una domanda. Se lei non sa rispondere mi dà 5 euro, e viceversa se non so rispondere io...".
La ragazza declina ancora l'invito.
"Allora, glielo rendo ancora più interessante!!..." Continua lui, convinto di saperne più di lei e quindi con la speranza di fare un'ottima figura e poi... chissà...
Guarda la fanciulla e con fare ammiccante continua: "....Se lei non sa la risposta mi dà i 5 euro, ma se non la so io, gliene do 500!!".
A questo punto, nonostante il sonno e nonostante avesse intuito il malandrino interesse nascosto dell'uomo, la ragazza accetta.
"Qual è la distanza tra la Terra e la Luna?". Domanda lo psicologo.
Zitta, lei apre la borsetta e gli dà 5 euro.
Tocca a lei.
"Qual è quell'animale che sale su per una montagna con tre gambe e scende con quattro?".
Fatta la domanda, si sistema per bene sulla poltrona e prende a sonnecchiare.
Lo psicologo la guarda sbalordito. Pensa e ripensa... Cerca di tirar fuori i suoi ricordi di biologia... Si sforza, ma niente.
Guarda la ragazza e vede che dorme della grossa, allora accende il pc e cerca in rete. Nulla!! Non trova la risposta.
Dopo un'ora, rassegnato, sveglia la signorina e le dà i 500 euro. La ragazza prende educatamente il denaro e chiude di nuovo gli occhi, con un leggero sospiro soddisfatto.
Lo psicologo, scocciatissimo, la scuote per un braccio e le chiede: "Beh, e allora la risposta qual è?".
Con un dolcissimo sorriso, senza dire una parola, la bionda prende 5 euro dalla borsetta, li porge allo sbalordito professionista e si rimette a dormire....


* 117, 118) Amici, le prime del 2011. Me le invia Stefania, senese. Grazie!!

1) "Oggi ho incontrato un nuovo paziente..." Dice uno psicologo a un collega.
"Beh, che tipo ti sembra?" Chiede l'altro.
"Uhmm... Non è certo un genio, poverino. Pensa che mi ha detto che al supermercato quando la corrente è saltata è rimasto fermo per due ore sulle scale mobili!!".

2) Una bimba in cucina osserva la mamma lavare i piatti e nota che la donna ha qualche capello bianco che risalta sulla testa bruna.
Allora chiede: "Mamma, perchè hai alcuni capelli bianchi?".
E la mamma: "Ogni volta che fai qualcosa che non va e mi rendi infelice, uno dei miei capelli diventa bianco...".
Colpita, la bambina ci pensa un po' e dopo...: "Mamma, perchè i capelli della nonna sono tutti bianchi?".

(magnifica!!)


* 115, 116) Oh, ne sono arrivate due, non propriamente buoniste, sul Natale! Grazie Annalisa di Poggibonsi e tanti auguri!

1) La vita è bella come l'albero di Natale.
Peccato che ci sia sempre qualcuno che rompe le palle!!

2) A Natale dobbiamo essere tutti più buoni.
Se uno ti frega il posto auto, tu non rigargli la fiancata.
Scrivici "Buone feste!!".


* 113, 114) Le amiche del gruppo di autoaiuto del gruppo fiorentino, mi mandano due barzellette al vetriolo sul divorzio:

1) Come si definisce un uomo che ha perso il 95% della propria intelligenza?
Divorziato!

2) Dallo psicologo consulente di coppia, una signora:
"Vede dottore, sono da lei per avere delle indicazioni su come comportarmi con i figli. Per il resto la mia decisione è già stata presa: voglio divorziare!".
"E' una scelta importante..." Dice il consulente "... perchè è così decisa?".
"Oh, è molto imbarazzante... Beh, deve sapere che mio marito in ogni ora del giorno e della notte emette... emette, ehm, delle evacuazioni gassose tremendamente puzzolenti...".
"Beh, signora, temo che in tribunale non le accetteranno questo come unico motivo per concedere la separazione. E poi ci vogliono le prove!".
"Ma io le ho, le prove!! Guardi!".
E dalla borsetta tira fuori una foto che mostra allo psicologo.
"E allora?..." Dice lui "... questa è una normalissima camera da letto!".
"Guardi bene...".
"Cosa c'è che non va? E' tutto a posto... il letto, i comodini, l'armadio....".
"Le dico di osservare attentamente....".
"Senta, io non riesco a vedere nulla!".
"Ah no? E mi dica... lei un crocifisso che si tappa il naso l'ha mai visto?".


* 111, 112) Due nuove amiche di Monteriggioni, Alessandra e Fiammetta, conosciute durante una mia conferenza, mi mandano queste due. Graziose.

1) Un uomo va dallo psicologo e gli dice: "Dottore, mia moglie soffre di manie di persecuzione!".
"Oh, e come si manifesterebbe questo problema?" Chiede lo psicologo.
"Ha sempre paura che le venga rubato qualcosa. Pensi che ieri ho trovato un uomo dentro all'armadio della camera da letto. L'aveva messo lei lì per fare la guardia ai suoi vestiti!!".

2) Dallo psicologo. Parla il paziente: "Dottore, ho un sogno ricorrente...".
"Interessante. Me lo racconti...".
"C'è una porta con una targhetta rossa. Io spingo, spingo e la porta non si apre...".
"Cosa c'è scritto, sulla targhetta?".
"Tirare...".

* 110) Francesco, da Siena.  Nuovo amico.

Uno psicologo vede un collega che sta spingendo un divano lungo la strada.
"Che fai con questo divano?" Gli chiede, stupito.
"Vado a fare una visita a domicilio...".

(non si usa il divano. E' meglio stare di fronte. Possibilmente senza la scrivania. G.P.)


* 107, 108, 109) Ciao Cristina. C'è la neve a Brescia? Grazie per queste tre nuove. L'ultima delle tre è splendida.

1) "Ho un caso interessantissimo..." Dice uno psicologo ad un collega.
"Cioè?".
"Ho in cura due gemelli siamesi che soffrono di sdoppiamento della personalità...".
"E allora?".
"Oh, sono pagato da otto persone!".

2) Il consulente matrimoniale al marito: " Mi spieghi perchè è così deciso nel voler divorziare da sua moglie...".
"Perchè? Perchè mi tratta come un cane!".
"La maltratta?" Chiede lo psicologo.
"No. Pretende che sia fedele!!".

3) Sempre dallo psicologo consulente di coppia.
Il professionista alla moglie: "Mi pare davvero sicura nel volersi separare, ma mi sembra davvero strano che mi abbia parlato di COMPATIBILITA' di carattere anzichè di incompatibilità. Ha forse sbagliato?".
"No, dottore. E' proprio per compatibilità... A me piace andare al cinema e a mio marito anche, a me piace andare in montagna e a mio marito pure, io adoro il teatro e lui pure l'adora, a me piacciono gli uomini e a mio marito anche...".


* 105, 106) Ancora Maria Carolina, da Verona, con due carine:

1) Un anziano di quasi 100 anni va dal sessuologo.
"Dottore, lei mi dovrebbe aiutare...".
"Quale sarebbe il suo problema?".
"Ormai ho 96 anni e corro ancora dietro alle ragazze!!".
"E allora? Dovrebbe essere contento, no?".
"Sì... però non mi ricordo perchè gli corro dietro!!".

2) Dallo psicologo, il paziente:
"Dottore, mi dimentico le cose!".
"Si dimentica le cose?".
"Mi dimentico le cose?".


* 104) Stefania, Siena, nuovo arrivo nel gruppo con una davvero carina e pure questa è al maschile...

"Dottore..." dice il nuovo paziente allo psicologo "...penso che la mia insicurezza derivi proprio da un trauma infantile: un giorno mia zia mi strappò di bocca il ciuccio e lo gettò dalla finestra... Una violenza inaudita su un bambino di soli 12 anni, non trova?".


* 103) Un'amica, che desidera restare anonima, dal gruppo di autoaiuto di Firenze, mi invia questa pepata barzelletta che potrebbe pure racchiudere alcune verità.
Vediamo se dà nuovamente il via alla "battaglia" tra maschietti e femminucce.

Dio chiama Adamo e gli dice: "Ho due notizie per te: una buona e una cattiva...".
Adamo chiede di sapere per prima quella buona.
"Ti farò due regali: un cervello e un pene!".
"Fantastico!..." Esclama Adamo "... e la notizia cattiva?".
"Non hai sufficiente sangue per farli funzionare entrambi nello stesso momento!".


* 102) Giorgio, ormai collaboratore abituale di questa pagina, mi manda questa che è, sì, una battuta, ma assai amara. Mostra i guasti che hanno fatto un certo tipo di psicologia e di pedagogia. Mi riferisco a coloro che per aiutare Caino si scordano sistematicamente di Abele.

In una strada parecchio affollata un uomo sta facendo un prelievo al bancomat quando all'improvviso viene aggredito da uno sconosciuto che per rapinarlo gli rifila una coltellata all'addome.
Il poveretto cade per terra, chiedendo aiuto.
Per primo interviene un avvocato che gli dice: "Questa è senza dubbio una rapina a mano armata con lesioni volontarie. Se mi dà un acconto posso difenderla!".
Poi si avvicina un medico, che dice allo sfortunato: " Questa è certamente una brutta ferita da taglio!! Qui vicino c'è la mia clinica. Se vuole la facciamo portare là!".
Nel frattempo è accorso pure un sociologo, che incomincia a inveire contro i bancomat ed il sistema bancario.
Ad un certo punto giunge uno psicologo comportamentista che apostrofa tutti: "Ma siete tutti degli insensibili? Non vi rendete conto che bisogna immediatamente aiutare CHI HA FATTO QUESTO?".


* 101) Ai primi di Ottobre arrivarono diverse barzellette, poi più nulla.
Adesso l'afflusso sta riprendendo, con questa di Annalisa, di Poggibonsi

Una signora confida allo psicologo le proprie frustrazioni:
"Sa dottore che mio marito è davvero assente, come coccole? Mai un complimento. Nulla! Si figuri che tutte le sere quando arriva a casa tutto quello che sa dirmi è: 'Aò! Che se magna stasera?' ... e poi basta!".
"Guardi signora..." Dice lo psicologo "... forse dovete vivacizzare un pò il vostro menage... Le do un consiglio: acquisti un completino intimo elegante e sexy, lo indossi insieme ad un paio di autoreggenti  e si metta una mascherina nera, che renderà il tutto ancora più intrigante. Vedrà che così l'effetto è assicurato!".
"Lei dice, dottore? Boh, proverò anche questa...".
Trascorre una settimana e la signora torna dal dottore, cupa e seria.
"Beh, com'è andata?" Chiede lui.
"Vuol proprio saperlo? E' tornato mio marito, gli ho aperto la porta e lui mi fa 'A Zorro... che se magna stasera?'".


* 99 e 100!!! - CENTESIMA BARZELLETTA ARRIVATA!!!)  Queste due invece sono di un'altra nuova nostra visitatrice: Giulia, da Pescia.

1) Dallo psicologo, il dottore: "Da quando pensa di essere un cane?".
"Ma da quand'ero cucciolo, no?".

2) Amiche, non pensate di poter cambiare un uomo. A meno che non abbia il pannolino!!


* Gente, Ottobre butta bene!! Tra ieri, sabato 2 e oggi domenica, me ne sono arrivate  addirittura 6!

Andiamo con ordine.
97, 98) Welcome home, Giada!! Come si sta a Edimburgo?
(Ovviamente non possono essere che di un certo tipo...).

1) Dallo psicoterapeuta, parla un depresso:
"Dottore, sempre e solo delusioni... Credevo che un collega fosse un amico e invece ha tirato a fregarmi. Pensavo di essere un piccolo campione con le carte ed ho scoperto che gli amici mi facevano vincere per pietà...
Pensavo di essere un bravo scrittore, ma la casa editrice mi ha rimandato il manoscritto... Il massimo però è accaduto in questi giorni:  credevo di essere un grande amatore e invece ho scoperto che la mia ragazza soffre d'asma!!".

2) Una signora, dal sessuologo. Gli segnala uno strano disturbo.
Quando fa l'amore sente dei fischi.
Il dottore un pò perplesso le chiede l'età.
"Ottant'anni!" Risponde la signora.
"E che vorrebbe, gli applausi?".


* 96) Ecco poi ancora Maria Carolina, dal Veneto.
Sì. Conosco dei colleghi che potrebbero fare così....

Uno psicologo ed un ingegnere si scontrano con le loro auto.
Escono illesi, ma sono piuttosto scossi.
Non è chiaro chi abbia torto.
Allora lo psicologo, gentilmente, porge una fiaschetta di liquore all'ingegnere che beve e ringranzia, poi dice: "Ora beva anche lei, per tirarsi su!".
E lo psicologo: "Sì, certo, dopo che sarà arrivata la polizia con l'etilometro....".


* 95) E' un amico nuovo: Ruggero, da Altamura (!!!!). Grazie.

Il terapeuta al paziente: "Innanzitutto, mi vuol dire perchè odia così tanto suo fratello?".
"Guardi che io non ho fratelli!".
"Senta, se non collabora è proprio inutile continuare!!".


* 93, 94) Due da Anna, Pienza.

1) Dallo psicologo consulente di coppia. Parla un marito.
"E poi mia moglie esce tutte le sere e non riesco a farle perdere questo brutto vizio!!".
"E dove va, la signora?".
"Oh, a cercarmi!".

2) Dallo psicologo consulente di coppia. Parla un altro marito.
"Vede dottore, io non pretendo che Dio dotasse le donne di un libretto con le istruzioni per l'uso... Ma almeno il pulsante di spegnimento poteva metterlo bene in vista, no?".


* 92) Un nuovo arrivo, Maria Carolina da Peschiera del Garda. Sai che lì da te abita una mia carissima amica? Se vado a trovarla o se qualche volta tornerò alla mia Sirmione vengo a conoscerti.
Ovviamente, anche M.C. spara sugli uomini...

Certe ragazze preferiscono essere belle piuttosto che intelligenti. Non hanno tutti i torti. Moltissimi ragazzi hanno una vista sviluppata più del cervello!!...


* 89, 90, 91) Da Giorgio, simpatica anche se vera. Oggi molti si comportano così... e poi vanno dal consulente.
Dopo Giorgio si rammenta di essere studente di psicologia e aggiunge una birbantata "giadiana" (chi legge qui sa a cosa mi riferisco)....
Successivamente, per non restare escluso dalla "battaglia" tra maschietti e femminucce, inserisce una citazione di Freud, che non conoscevo.

1) Dallo psicologo della coppia.
"E ditemi, andate mai fuori?". Chiede il dottore.
"Oh..." Dice il marito, mentre la moglie annuisce "...due volte alla settimana andiamo in un ristorante carino, beviamo del buon vino, assaggiamo del buon cibo, chiaccheriamo con persone piacevoli e ci godiamo romanticamente la campagna...
Lei ci va il martedì e io il giovedì...".

2) Siccome sono uno studente di psicologia,

LE BARZELLETTE CONTINUANO.....

LE BARZELLETTE CONTINUANO..... - Dr. Giancarlo PETRI

* 87) E' tornata Cristina, da Brescia! Il suo apporto, come sempre, è assai piacevole (e si riattacca con la diatriba tra uomini e donne!!.

Per superare le problematiche di coppia non sempre è necessario il consulente psicologo.
Talvolta con le sue calzanti considerazioni uno dei due coniugi è sufficiente a rimuovere tutte le difficoltà e tutte le indecisioni dell'altro.
Un esempio?
Al bar, due amici di mezza età. Parla uno dei due.
"Dopo 25 anni di matrimonio ieri ho osservato mia moglie e le ho detto: 'Cara, 25 anni fa avevamo un monolocale, una vecchia auto, si dormiva su un divano letto, guardavamo la TV in bianco e nero su un televisore da 10 pollici, ma nello scomodo letto avevo accanto a me una bella e giovane bionda di 27 anni... Ora abbiamo una casa da 700 mila euro, un'auto da 90 mila, un letto comodissimo in una camera bellissima, un televisore al plasma da 60 pollici, ma io dormo con un'attempata signora di 52 anni...'.
Mia moglie è stata rapidissima nel rispondermi e mi ha detto, con un sorrisino strano sulle labbra: 'Non hai che da trovarti una giovane bionda venticinquenne ed io farò in modo di farti ritrovare in un monolocale, proprietario di una vecchia auto, a dormire su un divano con di fronte una televisione da 10 pollici!! Capito, amore mio?'.
(Le donne sono magnifiche. Sanno come guarirti dalle tue crisi esistenziali!!)".


* 85, 86) Martina, Firenze, mi fa giungere queste due.
O giovanotta, la mail è delle 3,12! A quell'ora si deve dormire, no?

1) "Per smettere di bere ho provato con la psicoterapia!" Dice un signore a un altro.
"E ce l'hai fatta?".
"No, ma ora bevo sdraiato sul divano!!".

2) Da uno psicologo e sessuologo arriva una coppia. Ancora prima che il dottore possa aprire bocca, l'uomo gli chiede se può fare l'amore con la sua compagna, lì in studio, di fronte a lui...
Stupito, ma fortemente interessato sul piano professionale, il dottore acconsente.
Loro fanno quello che devono fare, pagano 50 euro di parcella e vanno via.
Dopo 15 giorni, eccoli di nuovo e ecco la medesima richiesta.
Lo psicologo ridice di sì e loro nuovamente si accoppiano mentre il professionista li osserva.
Quindi pagano e se ne vanno.
Altri 15 giorni e sono di nuovo nello studio con la solita richiesta.
"Eh no!..." Esclama il professionista "... Vi ho osservati: durante l'atto non avete problemi, va tutto bene e entrambi ne siete gratificati... Quindi potete spiegarmi perchè volete sempre mettervi alla prova di fronte a me?".
"Alla prova?" Lo interrompe l'uomo, mentre la signora ridacchia un po' "... No, non vogliamo assolutamente metterci alla prova.
Il problema è un altro.
Vede, io sono sposato e lei è sposata... Con altri, intendo... Inoltre entrambi non siamo ricchi...
Beh, all'Hotel Magnifico ci hanno chiesto 120 euro per una stanza, all'Excelsior ce ne hanno chiesti 100 e 85 al Restor...
Qui da lei abbiamo risolto il problema: un ambiente tranquillo, un signore abituato a certe cose e che quindi non scoccia, ma soprattutto una spesa di 50 euro con trenta che ce le rende l'Asl. Che si può volere di più?".


* 84) Un arrivo agostano. Me lo invia Anita, la modenese, che riprende il duello tra maschietti e femminucce.

Dal consulente matrimoniale. Parla un signore.
"Dottore, sono davvero arrabbiato con mia moglie!!" Esclama, sdegnato e offeso.
"E perchè mai? Mi dica...".
"Ieri sera a cena con la mia signora si stava parlando degli accidenti che possono capitare nella vita e io le ho detto che se mi dovesse accadere qualcosa di simile non deve lasciarmi vivere in uno stato vegetativo, in una dipendenza completa da una macchina, alimentato dai liquidi provenienti da una flebo... Se dovessi essere in quello stato, le ho detto, dovrebbe spengere le macchine che mi tengono in vita e interrompere il passaggio dei liquidi che mi alimentano.
Beh, vuol sapere che cosa ha fatto?
Si è alzata, ha spento il computer e la TV e mi ha tolto la birra!!".


* 83) Ieri, sabato, due amici mi hanno mandato ben tre barzellette,
La prima è di Giada, dopo diverso tempo. E' una barza che con la psicologia c'entra poco e in modo strano, toccando il narcisismo maschile, ma è talmente divertente che la inserisco lo stesso. Ovviamente è del genere di quelle che invia questa mascalzona.
Le altre due sono di Giorgio.

Un uomo assai malconcio, con un sacco nero in mano e una strana ampolla nell'altra, entra in un bar, si appoggia al bancone e chiede un cognac da bere.
Il barista nota che il soggetto è davvero in pessime condizioni, ma è molto incuriosito dal sacco il cui interno si muove indiavolato e da lì arrivano grugniti, urla e imprecazioni terribili.
Dopo un po' chiede al cliente il perchè di quel fatto strano.
"No, guardi, non si preoccupi. E' meglio che non sappia che cosa c'è nel sacco...".
Ma il barista allora più incuriosito insiste ancora.
"Mi scusi, ma è nel mio bar e voglio sapere cosa contiene quel sacco. E' in casa mia e io lo devo sapere. Pretendo che me lo dica!!".
Il cliente malconcio replica: "Guardi, per il suo bene è meglio che non lo sappia. Se fidi di me, è per il suo bene!".
E il barista, cocciuto: "No, basta. Adesso lei mi fa vedere!".
"Bene. Io l'ho avvertita. Ora peggio per lei...".
Apre il sacco e ne esce un ometto alto 30 centimetri, completamente folle, che in pochi attimi devasta tutto il bar.
Solo sei o sette persone ce la fanno a bloccarlo e a rimetterlo nel sacco.
Al che il barista, incavolatissimo, si rivolge al cliente: "Guardi che cosa mi ha combinato! Ci saranno almeno 100 mila euro di danni!! Come faccio, adesso?".
"Beh, mi dispiace, ma io l'avevo avvertito. Però le svelo un segreto... Qui in quest'ampolla magica c'è un genio che può esaudire ogni suo desiderio... Basta sfregare e lui uscirà, così magari le ricostruisce il bar...  Però si ricordi di urlare il desiderio perchè questo genio è parecchio sordo. Gridi forte, mi raccomando...".
Il barista incuriosito e disperato, prova.
Prende l'ampolla, la sfrega e... puf!!... ne esce un uomo gigantesco.
"Posso esaudire un tuo desiderio! Parla, dunque!!" Esclama con voce possente.
Il cervello del barista lavora freneticamente.
'Pensa un po'... Visto che ho un solo desiderio, magari gli chiedo più soldi... Invece di 100 mila euro gliene chiedo un miliardo... Ma sì, un miliardo!!".
Allora si rivolge al genio: "Genio, voglio un miliardo!!".
E magicamente dal cielo cade un bellissimo BILIARDO che finisce di rovinare del tutto il bar.
L'uomo, ancora più disperato, guarda il cliente e dice: "Ma come? Io avevo chiesto un miliardo e non un biliardo!!".
E l'altro: "Oh, io l'avevo detto di urlare forte perchè il genio è sordo... Ma secondo lei, io avevo chiesto un PAZZO di trenta centimetri?".
 

* 81,82) Giorgio, il futuro collega aretino (a che punto sei con la tesi?), mi e ci regala queste due. La prima, ha scritto, è in risposta a quelle contro agli uomini inserite nei giorni scorsi...

1) La biona fidanzata chiama al telefono il proprio ragazzo. E' davvero giù.
"Amore, sono disperata... Ho comprato un puzzle, ma non riesco a far combaciare neppure una tessera!".
E lui, carino: "Guarda passerotto che sulla scatola c'è il disegno di ciò che devi ripetere. Basta che osservi quello e ce la farai...".
"Sì, lo so. C'è disegnanto un gallo, però proprio non ci riesco... Davvero, non ce le faccio...".
"Ascolta: oggi nel pomeriggio devo venire da te, no? Allora cercheremo di capirci qualcosa. Ok?".
Poche ore dopo lui è dalla ragazza.
Si siede al tavolo, osserva la scatola attentamente, poi guarda la fanciulla, lei lo riguarda, lui torna a guardarla...
Quindi lui le parla dolcemente, come si fa con una bimba: "Amore, facciamo una cosa: rimettiamo i corn-flakes nella scatola e non diciamo nulla a nessuno, va bene?".

2) Prove attitudinali per gli aspiranti marinai.
Lo psicologo della Marina che lo esamina chiede al giovane: "Cosa faresti se adesso, affacciandoti alla finestra, vedessi una nave da guerra che si avvicina minacciosamente lungo la strada?".
"Sparerei un siluro e l'affonderei, signore!".
"E dove andresti a prendere il siluro?".
"Nello stesso posto dove lei è andato a prendere la nave!".


* 80) La storiella precedente ha probabilmente invogliato Anna, di Pienza - bella, bellissima cittadina... - ad inviarmi questa.
Forza uomini!!

"Perchè occorrono migliaia di spermatozoi per fecondare un uovo?".
"Perchè gli spermatozoi sono maschi e si rifiutano di chiedere la strada!".


* 79) Questa mi è stata raccontata dalle signore del gruppo di Autoaiuto che ho recentemente seguito... Si tratta di signore che non hanno un'eccezionale opinione dei maschietti.

Nel futuro.
Un signore ha un incidente gravissimo: trauma terribile alla testa.
I medici informano la famiglia che per salvarlo c'è la necessità di fare un trapianto di cervello. Aggiungono poi che i cervelli da trapiantare sono rarissimi e vanno pagati.
"Quanto costano?" Chiede un familiare del ferito.
"Oh..." Dice il chirurgo "...Quelli maschili 10 mila euro e quelli femminili solo 500...".
"Perchè l'uomo è più intelligente della donna, vero?".
"No. Perchè il cervello della donna è usato e quello dell'uomo no...".


* 78) Assolutamente deliziosa, da Sandra di Firenze.

Dallo psicologo consulente di coppia.
Parla il nuovo paziente: "Mai pensavo di trovarmi un giorno di fronte ad un professionista del suo ramo... Comunque vuol sapere com'è iniziata la crisi matrimoniale che mi ha condotto da lei?
Beh, due settimane fa, in occasione del mio cinquantesimo compleanno, non mi sentivo troppo su. Scollinare i fatidici "50" fa un effetto particolare...
Comunque scesi giù per la colazione convinto che mia moglie sarebbe stata carina, mi avrebbe detto buon compleanno e forse mi avrebbe pure fatto un bel regalo.
Macchè. Nulla.
Scendono i ragazzi e gli auguri li aspetto da loro, che invece non mi dicono una parola, limitandosi a ridacchiare come due sciocchi.
Uscendo per andare in ufficio, mi sentivo ancora più depresso e nervoso.
Ma al lavoro, entrando nella mia stanza, la mia segretaria Anna, più graziosa e ben vestita di sempre, mi viene incontro con un sorriso radioso, mi bacia sulle guance e mi cinguetta: "Buon giorno, capo... e soprattutto buon compleanno! Sai che entri nell'età dell'uomo i cui il fascino è più forte?...".
Mi sono sentito subito meglio.
Lavoro fino a mezzogiorno e mezzo, quando Anna bussa alla porta, si affaccia e mi dice: "E' una così bella giornata. Perchè non usciamo e andiamo a bere qualcosa?".
Io accetto, piacevolmente stupito dall'atteggiamento della bella collaboratrice.
A braccetto andiamo al bar e sorseggiamo l'aperitivo.
Poi le mi fa: "Capo, ascolta. Oggi per te è davvero un giorno importante. Perchè anzichè andare a mangiare il solito panino non andiamo su al mio casale? Ce ne stiamo un po' comodi al sole e ti faccio una spaghettata!".
Sempre più sconcertato e, ora sì, assai intrigato, rispondo affermativamente, mentre cresce in me la convinzione che Anna vorrà farmi davvero un regalo "particolare"... Un regalo del tutto inatteso, perchè mai la ragazza mi aveva inviato segnali in tal senso...
Arriviamo al casale, che già conoscevo.
Entriamo nel salottino piccolo, con il divano e le poltrone, sul quale si apriva il salone, dalla porta scorrevole ora chiusa.
Anna mi offre un bicchiere di prosecco e mi dice, con fare ammiccante: "Se non ti dispiace vado un attimo in camera per mettermi un po' più comoda!".
Dunque ci siamo!! Ho pensato...
Lei è sparita.
Pochi secondi dopo si è aperta la porta del salone e ne sono usciti mia moglie, i bambini, l'amico prete che mi ha sposato, i suoceri ed i miei genitori, gli amici e i collaboratori più cari cantando con Anna 'Tanti auguri a te'.
Ed io ero lì, sdraiato sul divano... con niente addosso tranne i calzini...".


* 76, 77) Samantha da Lugano (se puoi e vuoi, scrivimi per dirmi come hai fatto a trovarmi?) con due barzellette carine. La seconda assomiglia alla prima di Carlotta.

1) Un masochista è una persona alla quale piace la doccia fredda la mattina.
Infatti se ne fa una calda.

2) Lo psicologo esce dallo studio dopo aver parlato con un signore assai depresso e si rivolge preoccupato alla moglie del paziente: "Francamente, signora, le debbo dire che suo marito non mi piace per niente...".
"Beh, se è per questo, neanche a me. Però è così buono con i bambini!".


* 74, 75) Due dall'amica viareggina, Carlotta.

1) Un signore triste a un amico.
"Ieri lo psicologo mi ha detto che sto diventando matto. Gli ho risposto che volevo un altro parere. E il dottore: 'D'accordo: lei è pure brutto!' ".

2) Il marito alla moglie: "Cara devo confessarti che da un po' vedo segretamente uno psicologo...".
E lei: "Beh, allora anch'io ti confesso che vedo segretamente un ingegnere!!".


* 73) Ciao Stefania da Prato. Eccoti inserita.

Al consulente matrimoniale, una signora sdegnata:
".... E poi, dottore, sa che quella carogna di mio marito è anche un bugiardo spudorato?".
"Accidenti! E come fa a dirlo con così tanta sicurezza?".
"Mi ha detto che ieri ha passato la serata al lavoro con il suo collega Alberto, l'infame!!...".
"Beh, e allora?".
"IO ho passato la serata con Alberto!!".

* 72) Dopo qualche tempo torna Giada con una delle sue, sempre sul malizioso...

Una coppia un po' in crisi esce dallo studio dello psicologo consulente matrimoniale.
"Sai..." Dice lei al marito "... penso che il dottore abbia ragione. Siamo troppo bloccati. Dobbiamo rendere più intrigante il nostro rapporto...".
"Sì. Sono d'accordo con te...".
"Bene... Sai ad esempio dove mi andrebbe che tu mi baciassi dolcemente?".
"Oddio, no... Non lo so... Posso immaginarlo, ma dimmi tu!!!!!".
"Oh, a Miami o a Thaiti!!".


*69, 70, 71) Ancora Martina, da Firenze. Tre, tutte graziose:

1) Dallo psicologo.
"Dottore, soffro di frequenti amnesie...".
"Oh, le spiace pagarmi in anticipo?".

2) La causa principale del divorzio è il matrimonio (J. Lewis).

3) Un paziente spiega i suoi sogni allo psicologo:
"Vede dottore, non mi disturba se continuo a sognare in francese...
Quello che mi dà noia sono i sottotitoli in italiano!":


* 68) Ce la manda Anita, da Modena. Non parla di psicologi e di psicologia, ma è egualmente attinente alle umane vicende....

Preghiera...

"Signore, ti ringrazio per avermi fatto provare le difficoltà,
perchè ho imparato l'arte di sopravvivere.
Ti ringrazio di avermi fatto incontrare l'arroganza,
perchè ho capito il valore dell'umiltà.
Ti ringrazio per avermi concesso la sofferenza,
perchè ho diviso il pane della solidarietà.
Ora vorrei rivolgerti una preghiera:
...non sarebbe possibile una botta di culo?".


* 67) Thomas, da Firenze, new entry.

Se uno parla tra sè e sè, ci può stare.
E' se si risponde con un'altra voce, che iniziano i problemi!!


* 66) Da Giorgio, studente di psicologia in Arezzo.
L'ha intitolata "Traumi"...

Un ragazzo torna a casa felice dicendo al padre: "Papà, ho trovato la donna della mia vita!".
Il padre: "Sono felice per te, ma dimmi: chi è?".
"E' la figlia del droghiere...".
"Quello qui a fianco?".
"Quello qui a fianco... Perchè?".
"Noooo... Figlio mio, mi spiace, mi spiace tanto, ma devi sapere che lei... lei è tua sorella!!".
"Ma come è possibile? Sua madre... lei... tu... No!!".
Sconvolto dall'orrenda rivelazione, il ragazzo fugge dalla stanza. Sta male per giorni, ma col tempo lo shock viene superato.
Dopo qualche mese il ragazzo si ripresenta dal padre e tutto felice gli dice: "Papà, ho conosciuto una donna eccezionale. Sta a Roma. E' la figlia del farmacista di Via .....".
E il padre, preoccupato: "Sei sicuro?".
Il panico afferra di nuovo il giovane.
"No, mio Dio... Non di nuovo... No...".
"E invece sì..." Dice il genitore "...E' proprio così... Sai, ero giovane e esuberante!!! Perdonami. Ti prego solo di non dire nulla alla mamma. Sai, è una santa donna: non sa neppure comprendere cose di questo tipo... E' un'anima candida...".
Nuovamente disfatto, il figlio esce di casa.
Totalmente nel pallone, decide di cercare aiuto in uno psicologo che gli fa comprendere che i comportamenti del padre non erano certamente voluti, al fine di danneggiarlo nel futuro.
Il lavoro con lo psicologo, più il tempo gli leniscono la ferita morale.
Passa un anno e mezzo.
Il giovane uomo torna dal padre: "Papà, mi sono innamorato di nuovo!!".
E il padre: "Sono contento per te. Parlami di lei. Chi è? Dove abita?....".
"A Padova, e....".
"A Padova? Oddio....".
E drammaticamente salta fuori una storia simile alle precedenti.
Distrutto da questa ennesima pugnalata al cuore, il ragazzo va a piangere dalla madre e le racconta tutto.
La mamma lo consola: "Coraggio, bambino mio... Ma perchè non sei venuto prima a parlare con me? Ti saresti potuto evitare tante sofferenze e tante scelte dolorose...".
"E perchè mai? Loro sono tutte mie sorelle!!!".
E la madre: "Sì, ma lui non è mica tuo padre!...".


* 65) Giada, ovviamente.

Un giovane molto timido una sera si reca in un pub dove nota una splendida ragazza, sola, che sta bevendo la sua bibita. Dopo una mezz'ora d'indecisione, timoroso che la fanciulla possa decidere d'andarsene, il giovane si fa coraggio, le si avvicina e le dice: "Posso sedermi qui, a chiaccherare un poco con te?".
Al che la ragazza, con un tono di voce altissima, che fa girare tutti i presenti verso di loro, urla addosso al giovane:
"NO!!! Ho detto che non voglio venire a letto con te! Come devo fare per fartelo capire? Vuoi lasciarmi in pace o no?".
Il povero ragazzo, sotto lo sguardo critico di decine di persone, abbandona il posto e torna sconsolato e sconcertato al proprio tavolino.
Ma dopo qualche minuto è forte la sua meraviglia nel vedere la bella ragazza che gli si avvicina, gli si siede accanto e gli sussurra, con tono accomodante:
"Scusa per la scenata di poco fa. Sono una studentessa di psicologia e per la mia tesi sto osservando le reazioni delle persone di fronte ad una situazione fortemente imbarazzante...".
Il giovane, senza perdere tempo ed a piena voce allora grida:
"Cosa? 150 euro per fare l'amore con te? Ma che richiesta è? Preferisco dormire da solo!!".


* 64) Questa viene da Stefania, Prato. Dice che è una citazione, ma non sa di chi è.

Se hai innumerevoli idee in testa, che si accavallano le une sulle altre, sei pazzo.
Se hai una sola idea e solo quella e ti ci fissi, sei pazzo.
Se non hai idee, sei scemo.


* 63) La mia amica Cristina!! Come va a Brescia?

Uno psicologo sta sottoponendo una ragazza ad un test: le mostra delle macchie colorate e lei deve dire che cosa ci vede (è il test di Rorschach... G.P.).
La prima macchia: "Un uomo che fa l'amore con una donna...".
La seconda: "Due fidanzati che fanno sesso...".
La terza macchia: "Una coppia che fa l'amore sulla spiaggia...".
La quarta: "E' una scena di sesso di gruppo...".
E così via, fino alla decima.
Lo psicologo non può fare a meno di dire alla ragazza: "Signorina, lei mi pare alquanto ossessionata dal sesso!".
E lei, sdegnata: "IO? E' lei che da mezz'ora mi sta facendo vedere dei disegni osceni! Mica io!!".


* 62) Carlotta, da Viareggio. Scrive che è una citazione o un aforisma, che dir si voglia, di Henny Youngmann.

"Volete fare impazzire qualcuno? Mandategli un telegramma con su scritto 'Mi raccomando ignorare il primo telegramma!'".


* 60, 61) Le ennesime da Firenze. Silvia e Francesco:

1) Lo stress è quando vi svegliate urlando e capite che ancora non vi siete addormentati.

2) Perchè, secondo le statistiche, la psicoterapia è più veloce negli uomini?
Perchè quando devono tornare alla loro infanzia.... già ci sono....


* 59) Ancora una. Martina da Firenze, una mia ex alunna.

"Le capita mai di sentire le voci senza vedere nessuno?" Chiede lo psicologo al paziente.
"Oh sì. Piuttosto spesso...".
"E quando, in particolare?" Domanda il professionista, allarmato.
"Quando parlo al telefono...".


* 58) L'ho trovata ieri sera. E' davvero forte. Ce la manda una nuova amica fiorentina, Carolina.

Un uomo si reca dallo psicologo e gli dice che è arrivato da lui vedendolo come la sua ultima speranza.
Il dottore scopre quindi che il poveretto ha una lunga storia di emicranie che nessun medico era riuscito nè a guarire, nè a migliorare.
Però...
"Ascolti..." Dice lo psicologo "...anche io soffrivo di emicranie e partendo dal presupposto che esse possono derivare dallo stress, ho scoperto un sistema infallibile per farle passare.
Attento: quando ho un attacco di mal di testa interrompo il lavoro, vado a casa, m'infilo in vasca da bagno bella calda e sto lì dentro per un'ora. Poi mia moglie mi passa la spugna con l'acqua calda intorno alla fronte. Quindi esco dalla vasca, prendo mia moglie e andiamo in camera da letto. Qui facciamo sesso il più a lungo possibile e con tutte le varianti che ci consiglia l'immaginazione...
Ebbene, sempre il dolore al capo se ne va...
Ora provi anche lei per sessanta giorni e poi torni da me...".
Due mesi dopo il paziente torna. E' felicissimo, addirittura raggiante.
"Dottore, ho seguito il suo consiglio alla lettera e realmente funziona. Ho avuto emicranie per quasi vent'anni e questa è la prima volta che qualcuno mi ha aiutato...".
"Ne sono davvero felice..." Dice il dottore e si alza per salutare l'uomo.
E proprio mentre stanno salutandosi il paziente aggiunge: "Ah, dottore, mi dimenticavo. Devo congratularmi con lei anche per un'altra cosa: sa che ha una casa davvero bellissima?".


* 56, 57) Un amico nuovo, Paolo, di Brescia, con due barzellette:

1) Anche i masochisti confessano, se torturati.
Lo fanno per riconoscenza.

2) E' stata scoperta una nuova perversione: la traMsessualità.
Ovvero un irresistibile impulso a sussurrare frasi sconce all'orecchio dei conducenti dei mezzi pubblici...


* 55) Torna Renato, il pistoiese.

Dallo psicologo, un paziente agitato:
"Dottore, stanotte ho fatto un sogno terribile....".
"Terribile? Mi dica...".
"Oh, mi sono visto su di un'isola deserta, ai tropici, insieme a Monica Bellucci e a Elisabetta Canalis...".
"Accidenti!! Non mi pare proprio un sogno terribile!".
"Sì, ma io ero Manuela Arcuri!!".


* 54) Stefania, da Prato, mi e ci pone questo interrogativo:

Se una persona che soffre di sdoppiamento della personalità minaccia il suicidio, quella persona è considerata un ostaggio?


* 52, 53) Una mia giovane collega, che chiede di rimanere anonima...

1) Nevrotico: 2 + 2 = 5. Nevrastenico: 2 + 2 = 4 (ma gli dà molto fastidio...).

2) Gli psicologi dicono che una persona su quattro è malata di mente.
Esamina tre amici. Se sono Ok tutti e tre, allora sei nei guai...


* 51) Giada, naturalmente....

Uno psicologo e la moglie si trovano sulla spiaggia a prendere il sole quando un bionda mozzafiato, con un minuscolo perizoma, passa lungo il bagnasciuga.
Giunta all'altezza della coppia, sorride con un sorriso splendido e ammiccante e si rivolge al dottore esclamando:
"Oh carissimo, che piacere vederti! Sei sempre in forma, eh? Ciao, ciao...".
Lo psicologo sorride imbarazzato e guarda la moglie che gli chiede:
"Ma chi è quella cavallona così appariscente e volgare?".
"Oh, è una che ho conosciuto sul lavoro...".
"Ah si, eh! Il tuo o il suo?".


* 50) Samantha, da Radda in Chianti.

Lo psicologo: "Lei ha delle manie di persecuzione...".
Il paziente: "Non è vero! E' lei che non mi può soffrire!!".


* 47,48,49) Ancora un contributo da Silvia e Francesco, di Firenze. Addirittura tre barzellette...

1) Il nonno al nipote: "Accidenti! Ma come hai detto che si chiama quella carogna di tedesco che mi nasconde sempre tutto?".
"Alzheimer, nonno, Alzheimer...".

2) Come definiresti uno che si sente perseguitato e che pensa che tutti ce l'abbiano con lui?
Intuitivo!!

3) Il colmo per uno psicologo?
Avere la moglie psichiatra!


* 46) Elena, da Certaldo.

Uno psicologo durante una conferenza sulla sessualità della coppia, chiede ai presenti di fare un piccolo sondaggio.
"Alzi la mano chi di voi fa l'amore tutti i giorni...".
L'alzano in quattro o cinque.
"E chi lo fa una volta alla settimana?".
La grande maggioranza.
"Una volta al mese?".
Un paio, tutti imbarazzati.
"E una volta all'anno?".
"Io, io, io...." Alza la mano un signore, che sprizza gioia da tutti i pori...
"Mi perdoni..." Dice lo psicologo "...ma perchè è così contento?".
"Perchè è domani!!...".

* 45) Un arrivo da Roma (il primo...). Un'altra Carlotta cortesemente mi manda questa. Grazie e a risentirci.

Stefano incontra Marco dopo tanto tempo che non si vedevano.
"Ciao Stefano. Come va? Finito di studiare?".
"Sì. Sono diventato psicologo...".
E Marco chiede: "Psicologo? E cosa fa lo psicologo?".
Stefano gli risponde: "Ora te lo spiego. Hai un acquario in casa?".
"Sì".
"Cosa c'è dentro all'acquario?".
"...I pesci...".
"E quando li guardi, a cosa pensi?".
"Al mare...".
"E cosa c'è vicino al mare?".
"La spiaggia!".
"E sulla spiaggia?".
" Un mucchio di belle ragazze!!".
"Ecco. Vedi? Con questo test ti ho dimostrato che a te piacciono le ragazze. Ora devo andare. Ci vediamo!".
Marco riprende a camminare e incontra Francesco, un altro amico.
"Ehi, Francesco, lo sai che Stefano è diventato psicologo?".
"Psicologo? E cosa fa uno psicologo?".
"Te lo spiego...".
"Hai un acquario in casa?".
"No...".
"Allora sei gay...".

* 44) Riecco Francesco e Ester, from Florence... (ma siete stati un pò maligni...).

Chi è uno psicologo?
E' un tizio che ti fa un sacco di domande costose che tua moglie ti fa gratis...


* 41, 42, 43) E' tornata la filibustiera, Giada, con tre barzellette. Una è una delle sue solite, pruriginosa. L'altra è più soft. La terza è senza dubbio noir...

1) Per gli psicologi poco seri: quando una bella donna dice che soffre, chiedetele:
"Con l'apostrofo o senza?".
(terribile!!)

2) Due signore stanno parlando.
"Mio figlio va dallo psicologo..." Dice la prima "...Pare che abbia il complesso di Edipo...".
E l'altra: "Ma che Edipo o Edilio! Quello che importa è che voglia bene alla sua mamma!!".

3) L'annuncio:
"AAAAA: psicopatico assassino cerca ragazza per relazione breve.".


* 40) Arriva da Viareggio, spedita via sms da Carlotta.

Uno psicologo può cambiare una lampadina?
Sì. Purchè lei lo voglia.


* 39) Questa me la spedisce Tania, da Poggibonsi. Non si parla nè di psicologi, nè dei loro clienti, ma è uno spassoso, fine e diabolico esempio di guerra psicologica.

Letterina, e mail o sms di una fanciulla, fate voi: "Cara mamma, mi spiace molto doverti dire che me ne sono andata col mio nuovo ragazzo. Ho trovato il vero amore e lui, dovresti vederlo, è così carino con tutti i suoi tatuaggi, i piercing e quella sua moto veloce.
Ma non è tutto, mamma: finalmente sono incinta e Abdul dice che staremo benissimo nella sua roulotte in mezzo ai boschi. Lui vuole avere tanti bambini e questo è anche il mio sogno. E dato che ho anche scoperto che la marjuana non fa male, noi la coltiveremo anche per i nostri amici, per quando non avranno la cocaina e l'ecstasy di cui hanno bisogno.
Nel frattempo spero che la scienza trovi una cura contro l'AIDS così Abdul potrà stare un pò meglio: se lo merita!!
Non preoccuparti, mamma: ho già 15 anni e so badare a me stessa.
Inoltre Abdul, forte dei suoi 45 anni d'età, mi segue e mi consiglia al meglio nelle varie scelte, come in quella di convertirmi all'Islam
Spero di venire a trovarti presto. La tua adorata bambina.

PS: TUTTE BALLE, MAMMA!!! Sono dai vicini. Volevo solo farti notare che nella vita ci sono cose peggiori della pagella che ho lasciato sul comodino.
Ti voglio bene!!".


* 38) Per certi aspetti è del genere di quella che precede. Mi giunge da Renato, di Pistoia.

Dallo psicologo, una madre preoccupata...
"Dottore, mio figlio non vuole andare a scuola... Dice che tutti lo maltrattano, che i ragazzi gli sputano e lo insultano...
"Beh, signora, è una cosa fastidiosa, ma può accadere. Lei cosa gli dice per convincerlo a andare?".
"Oh, gli rammento che deve farlo, primo perchè a scuola dobbiamo andarci e secondo, perchè è il preside...".

* 37) E' un nuovo arrivo, Carolina da Firenze mi manda questa. Brava, l'elenco andava un pò smosso.

Il paziente allo psicologo:"Dottore, divento nervoso ed ho paura quando devo fare l'esame di guida...".
"Può accadere, ma non si preoccupi: prima o poi li supererà...".
"Ma io sono l'esaminatore!!".

* 35, 36) Dopo un bel pò di tempo, un'amica mi manda del materiale piacevole.
Eccovelo, grazie a Giada di Poggibonsi.

1) Uno psicologo al proprio paziente: "Sono tre anni che la vedo due volte alla settimana, ascolto i suoi sogni, le sue associazioni di pensiero e di parola, le emanazioni del suo subconscio ed infine oggi ho delle buone notizie per lei...".
"Grazie mille, dottore... Le sono molto riconoscenteper quello che ha fatto. E allora mi dica: sono guarito dal mio complesso d'inferiorità?".
"Assolutamente no! Il problema infatti non è il complesso, bensì il fatto che lei è proprio inferiore!!".

2) NB: questa è tosta, eh. Vietata ai minori. Giada, un'altra volta facci piano, mascalzona!!

Un uomo e una donna s'incontrano e scatta il colpo di fulmine.
Pochi mesi di frequentazione e quindi decidono di sposarsi.
La prima notte di nozze, nella suite di uno splendido albergo, lei gli dice: "Per favore, caro, trattami bene... sono ancora illibata...".
E lui, strabiliato: "Cosa? Com'è possibile? Sei stata sposata tre volte!!".
Lei: "Beh, il mio primo marito era ginecologo e voleva solo guardarla. Il secondo era uno psicologo e voleva solo parlarne... Il terzo era un collezionista di francobolli... Dio, quanto mi manca!!".

* 34) Da Francesco e Ester, Firenze.

Un paziente dice allo psicologo:" La gente mi evita, nessuno mi parla, sento di essere mal visto da tutti... Secondo lei, pezzo di cretino, da che cosa può dipendere?".

* 33) Da Enza, Poggibonsi.

"Caro, lo psicologo ha detto che per vincere la mia depressione dovrei andare per un mese al mare, un mese in montagna e un mese in una città d'arte. Dove andiamo per prima?".
"Da un altro psicologo!!".

* 32) Da Francesca, Milano.

Come si chiama la danza dei depressi?
Balla coi cupi...

* 30, 31) Una "coppiola" deliziosa, da Sandra, Castelnuovo Berardenga.

1) Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione...

2) "Dura la vita" Dice uno psicologo a un collega "...un paziente mi crede un lampione...".
"E cosa c'è di male?" Chiede l'altro.
"Oh, lui si crede un cane!".

* 29) Ancora da Giada, Poggibonsi.

Dallo psicologo: "Dottore, la scorsa notte ho detto alla mia ragazza che l'amavo e lei mi ha detto che dovevo essermi ubriacato di nuovo.
Io le ho chiesto perchè e lei mi ha risposto: ' Perchè sono tuo padre, imbecille!!' ".

* 28) Alberto, nuovo amico di Firenze.

Il complesso di Edipo quando va in turnee si porta dietro la mamma?

* 27) Ancora Cristina, da Brescia (quando verrò a Santa Giulia a vedere una mostra di pittura, incontriamoci!).

Nello studio dello psicologo: "Dottore sono molto inquieta. Mio figlio non smette di fare delle piccole case con la propria cacca...".
"Stia tranquilla, signora. A una certa età lo possono fare. Dopo un poco smettono...".
"Grazie dottore, lei mi toglie un gran peso perchè si tratta di un fatto molto imbarazzante, che sta diventando un vero e proprio cruccio per me e sua moglie...".

* 24,25,26) Altri tre arrivi, inviati da Silvia e Francesco, Firenze, che ringrazio per il copioso e.... piccante contributo.

1) Dallo psicologo, parla un cliente in crisi: "Dottore, ho delle difficoltà nel desiderio sessuale...".
"Quante volte fa l'amore, in un giorno?".
"Oh, non più di tre volte con mia moglie...".
"Direi che è più che...". Ma l'uomo continua.
"Poi ci scappa sempre un rapportino con la donna di servizio... E poi, in ufficio, sa, con la segretaria...".
"Accidenti! Ma il motivo è chiaro: lei eccede troppo!!".
"Oh, meno male! Credevo che fosse colpa della masturbazione!!".

2) L'impotenza è quel fenomeno che si verifica quando la forza d'attrazione della terra risulta maggiore rispetto alla forza d'attrazione della donna....

3) (più soft...) Due psicologi s'incontrano per la strada.
"Ciao...". Dice uno.
"Ciao...". Risponde l'altro.
Ed entrambi si allontanano pensando "Chissà cosa avrà voluto dirmi?".

* 23) L'ultima, da Francesca, di Siena. Certo che oggi queste ragazze sono terribili, eh!

Lo psicologo parla di sessualità e di sesso con una paziente.
"E mi dica... Lei quando fa l'amore, parla con suo marito?".
"Oh no, pover'uomo! Perchè dovrei disturbarlo mentre è al lavoro?".

* 22) Eccone una da Giada, Poggibonsi.

Un tizio si reca dallo psicologo in preda al panico.
"Dottore... dottore! Sof


39) Questa me la spedisce Tania, da Poggibonsi


38) Per certi aspetti e del genere di quella di Carolina. Ce la manda Renato da Pistoia.

Dallo psicologo, una madre preoccupata: "Dottore, mio figlio non vuole andare a scuola... dice che tutti lo maltrattano, che i ragazzi gli sputano addosso e lo insultano...".
"Beh signora, purtroppo sono cosa che succedono.... Lei cosa gli dice per convincerlo?".
"Oh, gli rammento che deve farlo: primo perchè a scuola bisogna andarci e poi perchè sei il preside!".

37) Carolina, qui da Firenze.

Il paziente allo psicologo: "Dottore, divento nervoso e ho paura quando devo sostenere l'esame di guida...".
"Beh, è normale, no?".
"Ma io sono l'esaminatore!!".

35, 36) Giada, Poggibonsi, due entrambe carine, ma una sicuramente hard, per chi la capisce...

1) Uno psicologo al proprio paziente: "Carissimo sono tre anni che ci vediamo e oggi ho delle grandi notizie per lei!!".
"Oh dottore, sono davvero impaziente. Forse vuol dirmi che sono guarito dal mio complesso d'inferiorità?".
"No, caro. Lei non è complessato. Lei è davvero inferiore!!".

2) Un uomo e una donna s'incontrano e scoppia il colpo di fulmine.
Pochi mesi di frequentazione e poi il matrimonio.
La prima notte di nozze, nella suite di uno splendido albergo, lei gli dice "Per favore caro, trattami bene, sono ancora illibata.....".
E lui, strabiliato: "Cosa? Ma come è possibile? Sei stata sposata tre volte!".
E lei: "beh, il mio primo marito era ginecologo e voleva solo guardarla. Il secondo era uno psicologo e voleva solo parlarne. Il terzo era un collezionista di francobolli.... Dio quanto mi manca...".

34) Da Francesco e Ester, Firenze.

Un paziente dice allo psicologo: "La gente mi evita, nessuno mi parla, sento di
essere mal visto da tutti. Secondo lei, pezzo di cretino, da cosa può dipendere?".

LE BARZELLETTE CONTINUANO

LE BARZELLETTE CONTINUANO - Dr. Giancarlo PETRI


33) Da Enza, di Poggibonsi.

"Caro, lo psicologo ha detto che per vincere la mia depressione devo andare un mese al mare, un mese in montagna e un mese in una città d'arte. Dove andiamo per prima?".
"Da un altro psicologo!!".


32) Francesca da Milano.

Come si chiama la danza dei depressi?
Balla coi cupi....


30,31) Una "coppiola" deliziosa da Sandra, Castelnuovo Berardenga.

1) Se riesci a mantenere la calma quando tutti intorno a te hanno perso la testa, forse non hai afferrato bene la situazione....

2) "Dura è la vita!" Dice uno psicologo a un collega "...un paziente mi crede un lampione!!".
"E che c'è di male?" Chiede l'altro.
" Beh, lui si crede un cane...".


29) Ancora Giada, da Poggibonsi. Magnifica!

Dallo psicologo: "Dottore, la scorsa notte ho detto alla mia ragazza che l'amavo e lei mi ha detto che dovevo essermi ubriacato di nuovo.
Mortificato, le ho chiesto perchè parlasse in quel modo e lei mi ha risposto: "Perchè sono tuo padre, imbecille!!".


28) Alberto, nuovo amico di Firenze.

Il complesso di Edipo quando va in turnee si porta dietro la mamma?


27) Ancora Cristina, da Brescia.

Nello studio di uno psicologo: "Dottore, sono molto inquieta: mio figlio non smette di fare delle piccole case con la propria cacca...".
"Stia tranquilla, signora,  a una certa età lo possono fare. Dopo un poco smettono...".
"Grazie dottore, lei mi toglie un gran peso dallo stomaco perchè si tratta di un fatto davvero troppo imbarazzante, che sta diventando un vero e proprio cruccio per me e sua moglie...".


24,25,26) Tre graditi arrivi, inviati da Silvia e francesco, Firenze, che ringrazio per il ricco e...piccante contributo.

1) Dallo psicologo, parla un cliente in crisi: "Dottore ho delle difficoltà nel desiderio sessuale...".
"Sì? Vediamo un pò: lei di norma quante volte fa all'amore in un giorno?".
"Oh, non più di tre volte con mia moglie!".
"Però!!  Direi che è più che...".
Ma l'uomo continua.
"Poi ci scappa sempre un rapportino con la colf... E quando arrivo in ufficio sa, con la segretaria...".
"Accidenti! Ma il motivo è chiaro!! Lei eccede troppo!".
"Oh, meno male... Credevo che fosse colpa della masturbazione!!".


23) Francesca da Siena. Cero che oggi queste ragazze e son terribili, eh?

Lo psicologo parla di sessualità e di sesso con un'avvenente paziente.
"E...mi dica: Lei quando fa l'amore parla con suo marito?".
"Oh no, pover'uomo! Perchè dovrei disturbarlo mentre è in ufficio?".


22) Eccone una da Giada, Poggibonsi.

Un tizio si reca dallo psicologo in preda al panico.
"Dottore dottore!! Soffro di dubbi! O no?":


21) Ilaria, da Firenze.

Dallo psicoanalista: "Signora, la seduta costa 160 euro e lei ha diritto a farmi solo due domande!".
"Ma...non le sembra un po' caro?".
"Forse sì. Qual è la seconda domanda?".

LE BARZELLETTE CONTINUANO

LE BARZELLETTE CONTINUANO - Dr. Giancarlo PETRI

20) Questa mi è stata inviata da Elisa, di Firenze.

Dallo psicologo, una ragazza: "Dottore, ho la forte sensazione che tutti si approfittino di me...".
"Non deve preoccuparsi, mia cara, è solo la sua fantasia...".
"Grazie dottore, mi sento già meglio. Quanto le debbo?".
"Quanto ha in tasca?".

19) Simpatica. Di Stefano, da Colle Val d'Elsa.

Dallo psicologo, parla la paziente: "Dottore penso di avere un gran problema..".
"Prego, mi dica...".
"Beh, io... io ho OTTO amanti in contemporanea...!!".
"Santo Cielo, ma lei è malata!!" Non può fare a meno di esclamare il dottore.
"Ecco. Bravo!! Mi faccia un certificato, perchè mio marito dice che sono solo zoccola!!".

18) Alessio e Claudia, da Firenze, mi mandano questa, un'altra sugli psicoanalisti... Un tempo era proprio così...

Che differenza c'è tra lo psicotico, il nevrotico e lo psicoanalista?
Il nevritico costruisce castelli in aria; lo psicotico li abita; e lo psicoanalista... risquote l'affitto... 

17) Maria Cristina da Brescia, che dice di avermi incontrato per caso e poi ha preso a seguirmi in tutto il sito.

Studio del Dr. Freud a Vienna, primi anni del '900.
Si presenta una signora col figlio.
"Dottore, non so più cosa fare! Mio figlio è terribile... sadico... cattivo... Picchia i compagni, va gli sgambetti agli anziani, strappa le ali alle farfalle... Non so più che fare!!".
"Quanti anni ha?" Chiede Freud.
"Quattro anni...".
"Allora non c'è da preoccuparci... Crescendo diventerà più calmo e gentile...".
"Oh, grazie molte dottore... Mi ha tranquillizzata...".
"Di niente. Buongiorno, signora Hitler...".

16) Magnifica gente!! Mi giunge da Elena, Firenze, e le do il primo premio perchè è favolosa. Peccato, credo, che non tutti i non addetti ai lavori ce la faranno a comprenderla...

Una coppia di psicologi comportamentisti fa sesso.
Alla fine lui dice a lei:" Cara, tu sei stata benissimo. E IO?".

15) Ecco la prima un pò "hard"... Prima o poi me l'aspettavo.

Una bambina di notte si alza per andare in bagno e passa davanti alla porta della camere dei suoi genitori. Dà una sbirciatina oltre la porta socchiusa e poi storce il naso dicendo:"E pensare che mandano me dello psicologo perchè mi succhio il dito!!".

14) Da uno studente in psicologia che mantengo anonimo su sua richiesta.

"Siccome sono uno studente in psicologia, ho vinto il campionato mondiale di seghe mentali, ma siccome dire seghe mentali non va bene, fa grezzo, in gergo tecnico le chiamo ECA: elucubrazionicicliche autogenerate, che sa tanto di scientifico...".

*§*§ 13) IL PRIMO ARRIVO!! Simone, da Poggibonsi...

Due amici s'incontrano. Uno è serio e preoccupato.
"Che cos'hai?" Gli chiede l'altro.
"Oh... " Dice lui "...mi sta capitando una cosa stranissima. Non faccio altro che vedere balene, balene e poi balene... Sempre balene...".
"Cavolo! Ma uno psicologo l'hai visto?".
"Macchè! Sempre balene. Solo e sempre balene!!".

** Queste le ho scovate io...

* 12) "Dottore, nessuno mi prende sul serio!".
"Ma sta scherzando?".

* 11) Lo psicologo è colui che fa al Crazy Horse e guarda il pubblico.

* 10) Se fischia un orecchio è male, ma se applaude è peggio.

* 9) Se tu parli con Dio sei un credente. Se Dio parla con te, sei uno schizofrenico.

* 8) Un tizio ha un problema: tutte le volte che si addormenta sogna uno gnomo che gli dice "Fai la pipì. Forza! Fai la pipì! Falla!!". E allora lui, pssss, la fa a letto.
Così tutte le notti.
Decide di andare dallo psicologo per raccontargli il suo dramma notturno.
Il dottore: "Caro amico, sa cosa deve fare? Nel sogno allo gnomo deve dire un bel 'NO!!!' deciso, forte e sicuro!".
Quella notte ecco di nuovo lo gnomo.
"Fai la pipì!".
E lui "NO!".
E lo gnomo: "E fai la pipì!!".
E lui "NOOOO!!!!!".
E lo gnomaccio: "E fai la pipì!!!".
E lui "NOOOOO!!!!!!".
E lo gnomo: "Ma vai a cacare!!".

* 7) Due psicologi s'incontrano.
"Sai che ora è?".
"No, ma possiamo parlarne...".

* 6) Uno psicolabile in stato di agitazione entra nello studio del proprio terapeuta. Si strofina e scuote le mani, freneticamente, come per scacciare qualcosa.
"Dottore mi aiuti!! Aiuto!!! Sono pieno di animaletti verdi!!".
E il dottore, alzandosi di scatto: "E che, me li butta tutti sulla scrivania!!".

* 5) 166PSICOLOGIA HOT LINE PER VOI:
Benvenuti!
Se sei ossessivo- compulsivo premi 1. Ripetutamente.
Se sei codipendente, chiedi a qualcuno di premere 2.
Se sei depresso, non importa quale tasto premi perchè tanto non ti risponderà nessuno.
Se sei una personalità multipla premi 3, 4, 5 e 6.
Se sei schizofrenico ascolta attentamente e una vocina ti dirà quale tasto premere....

* 4) Due psicologi s'incontrano. Uno porta i segni evidenti di violente percosse.
"Cosa mai ti è accaduto?" Chiede l'altro.
"Oh... sono nei guai con mia moglie. L'altra sera con lei ho avuto un lapsus freudiano...".
"E cioè?".
"Beh, volevo dirle 'Amore dolce, per cortesia puoi passarmi il sale?' Ed invece le ho detto 'Brutta bagascia, mi hai rovinato la vita!!' ".

* 3) Quale è la differenza tra uno psicologo e un matto? La laurea!

* 2) Tra madri. 
La prima: "Mio figlio mi vuole così tanto bene che mi telefona tutti i giorni!".
La seconda: "Mio figlio mi vuole così tanto bene da passare tutti i giorni a trovarmi!".
La terza: "Questo è niente. Pensate che mio figlio mi ama così tanto che spende 80 euro due volte alla settimana per andare da un tizio a parlare di me!!".

* 1) Paziente: "Dottore, perchè risponde alle mie domande con un'altra domanda?".
"In che senso?". 

 - Dr. Giancarlo PETRI
DAVVERO. MOLTE SIGNORE E SIGNORINE RAGIONANO PROPRIO COSI'.
E SONO DOLORI.......